Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Migranti imparano a fare le orecchiette pugliesi con Divella

Migranti imparano a fare le orecchiette pugliesi con Divella

Nel Brindisino la lezione a 18 minorenni arrivati in Italia soli

BRINDISI, 12 gennaio 2024, 15:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Fare integrazione attraverso la pasta pugliese. Insegnare la manualità che caratterizza abili donne e chef a chi in Puglia è arrivato quasi per caso. Le orecchiette come linguaggio per far sentire a casa 18 giovani migranti ospiti del centro 'Arci Sai Lecce' di San Pietro Vernotico, nel Brindisino. Così la Divella, azienda del Barese specializzata nella produzione di pasta e biscotti, ha voluto regalare una giornata all'insegna della tradizione e della bontà ai minorenni ospitati nel centro per rifugiati. Si tratta di ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni che hanno raggiunto l'Italia in completa solitudine, senza genitori o parenti.
    I ragazzi hanno trascorso alcune ore a impastare acqua e semola sulle spianatoie per poi cimentarsi nella realizzazione delle orecchiette. Ad aiutarli è stata Arianna Campanella, consulente 'lady chef' della Divella che ha trasmesso loro i suggerimenti e i consigli della nonna nel preparare la pasta e assaporarla scoprendo anche così, la terra in cui si trovano da qualche tempo.
    "È stata un'esperienza che ha arricchito non soltanto i ragazzi che arrivano da terre lontane segnate da sofferenza e povertà - dichiara Campanella - per alcuni è stato come scoprire un talento naturale che sicuramente servirà per imparare un mestiere e quindi un futuro nuovo e diverso qui in Italia". Per la lady chef "va premiato l'entusiasmo dei ragazzi, la loro serietà e soprattutto la loro applicazione in qualcosa mai vista prima".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza