Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Mamma di tre bimbe disabili, serve bus per portarle a scuola

Mamma di tre bimbe disabili, serve bus per portarle a scuola

Fermata è stata tolta con il Covid e mai più rimessa

ROMA, 10 gennaio 2024, 18:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Barbara vive a Montopoli di Sabina, comune del reatino con meno di 4 mila abitanti ed è mamma di tre bambine, due gemelle di 10 anni ed una di 2 e mezzo, con delle disabilità, lievi le prime due, grave la terza che è stata adottata da un anno e mezzo. La mattina portare a scuola tutte e tre le bambine è diventato complicato: mentre fino a prima del covid c'era la fermata del bus scolastico davanti alla casa delle bambine, da qualche tempo sono stati creati dei punti di raccolta e le piccole, per arrivarci, devono attraversare un ponte e percorrere una strada in cui le auto corrono, non ci sono limiti di velocità nè barriere di protezione. La mamma, se accompagna loro al punto di raccolta, deve lasciare a casa sola la terza, cosa possibile se la bambina ancora dorme, impossibile se è sveglia. Per questo Barbara chiede da tempo all'amministrazione comunale di ripristinare la fermata del bus davanti a casa sua.
    "La cosa brutta è che il sindaco non risponde alle richieste mie e di mio marito - dice la donna - non meritiamo nemmeno una risposta. Questa non è inclusione. Noi siamo pronti a pagare di più per avere il servizio del pulmino scolastico ma dobbiamo poterlo utilizzare. La verità è che con i punti di raccolta l'amministrazione risparmia sul numero dei pulmann che prendono i bambini ma è un servizio di cui noi abbiamo assolutamente bisogno, che c'era ed è stato ingiustamente tolto".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza