Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Carceri: Spp, ad Avellino lo Stato ha perso il controllo

Carceri: Spp, ad Avellino lo Stato ha perso il controllo

Di Giacomo:"Sovraffollamento e carenza personale le criticità"

AVELLINO, 26 febbraio 2024, 11:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Lo Stato ha perso il controllo del carcere di Avellino: sovraffollamento e carenza di personale rendono ingestibile la situazione all'interno della Casa circondariale irpina". Aldo Di Giacomo, segretario nazionale del Sindacato di Polizia Penitenziaria, all'indomani della rissa in cui un detenuto è rimasto ferito da colpi di coltello e trasferito in ospedale in codice rosso, torna a denunciare le quotidiane criticità e lancia un affondo nei confronti del Dap: "Chi rappresenta il governo per la gestione del personale penitenziario - sottolinea il sindacalista - abbia l'onestà morale di farsi da parte".
    Di Giacomo, per il quale "Avellino è solo uno dei casi emblematici dell'emergenza del sistema penitenziario", smentisce anche quelli che definisce "numeri al lotto" su assunzioni e incremento dell'organico della Polizia penitenziaria: "A dispetto delle dotazioni organiche stabilite e del reale fabbisogno, quantificato dallo stesso Dap in 54 mila unità, le assunzioni non coprono prepensionamenti e pensionamenti".
    Citando i dati del 2023, Di Giacomo riferisce che sono state oltre duecento, con una media di cinque al giorno, le aggressioni dei detenuti in istituti campani nei confronti del personale in servizio.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza