/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

WeWorld, Direttiva Due Diligence garantisca accesso giustizia

ANSAcom

WeWorld, Direttiva Due Diligence garantisca accesso giustizia

ANSAcom

In collaborazione con WeWorld

"Va inserito inversione onere della prova per le vittime"

Roma, 22 settembre 2023, 15:06

ANSAcom

ANSACheck

Margherita Romanelli di WeWorld in occasione del convegno - RIPRODUZIONE RISERVATA

Margherita Romanelli di WeWorld in occasione del convegno - RIPRODUZIONE RISERVATA
Margherita Romanelli di WeWorld in occasione del convegno - RIPRODUZIONE RISERVATA

ANSAcom - In collaborazione con WeWorld

"Uno dei punti fondamentali che la Direttiva Europea sulla Due Diligence deve contenere per essere realmente efficace riguarda l'accesso alla giustizia. Le potenziali vittime o le vittime devono sapere che se subiscono un danno devono essere risarcite. Questo significa anche riuscire a introdurre un'inversione dell'onere della prova soprattutto per quelle vittime che poi sono più fragili, che vivono in alcuni paesi dove i loro diritti sono meno tutelati e dove è molto difficile anche raccogliere le prove del danno subito. Questo significa anche coinvolgere gli attori sociali, dunque sindacati e società civile, perché possano parlare e intraprendere delle azioni collettive nei confronti delle vittime, di una pluralità di vittime. Come la class action che c'è in Italia, ma omogeneizzata a livello europeo". L'ha detto la coordinatrice Policy e Advocacy di WeWorld, Margherita Romanelli, all'evento “Diritti umani e ambientali: dialogo sulla Due Diligence d’Impresa”, organizzato da WeWorld in collaborazione con l’ASviS e la campagna nazionale Impresa 2030."Molto importante - ha aggiunto - è inserire un dialogo costruttivo ma concreto con le potenziali vittime, le comunità, la società civile, i sindacati, tutti coloro che hanno qualcosa da dire sui processi che poi vengono impattati dalla dimensione aziendale. Questo perché se vogliamo principalmente prevenire danni li dobbiamo identificare in maniera concreta. E per questo serve la visione anche di chi un potenziale danno lo vive. E dunque delle comunità dove certe azioni hanno poi un loro effetto, che vanno coinvolte".

ANSAcom - In collaborazione con WeWorld

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza