E' vero che le microplastiche sono finite anche nella catena alimentare?
Sì, questi contaminanti passano dall’acqua dolce alle radici delle piante acquatiche e ai crostacei che se ne cibano

Redazione ANSA
28 giugno 2023 - 13:50
Da microplastiche a Pfas, il mare è sempre più malato  © Ansa

Cosa verifichiamo
L'emergenza microplastiche aumenta sempre di più. Nel 2017 l’Organizzazione delle Nazioni Unite dichiarò che c'erano 51mila miliardi di particelle nei mari, 500 volte più numerose di tutte le stelle della nostra galassia. E sono tanti gli studi che si sono concentrati sulla presenza di queste microparticelle anche nei nostri mari riscontrandola pure nell'area protetta del santuario dei cetacei, fra Toscana, Liguria e Sardegna. E tanti anche gli approfondimenti per verificare se le microplastiche possono essere inghiottite dai pesci e attraverso la catena alimentare arrivare direttamente nel nostro cibo. Alcuni studi internazionali hanno verificato la presenza di microplastiche anche in alcuni tessuti umani. 

Analisi 

Ed è vero che le microplastiche sono entrate nella catena alimentare. Una conferma viene dallo studio Enea-Cnr pubblicato sulla rivista internazionale 'Water' che ha descritto una parte del percorso delle microplastiche “dall’acqua al piatto”, dimostrando come questi contaminanti si trasferiscano dall’acqua dolce alle radici delle piante acquatiche e, quindi, ai crostacei che se ne cibano, con danni al patrimonio genetico di questi ultimi e, a lungo termine, per l’intero ecosistema. Infatti, i crostacei sono a loro volta cibo per i pesci e in questo modo le microplastiche possono arrivare sulle nostre tavole.

Il team Enea, insieme agli esperti dell’Istituto di Ricerca sugli Ecosistemi Terrestri del Cnr coordinati da Massimo Zacchini, ha valutato in laboratorio gli effetti di microparticelle di polietilene (PE), tra le più comuni materie plastiche disperse nell’ambiente, su organismi d’acqua dolce, vegetali e animali. In particolare, le specie utilizzate sono state la Spirodela polyrhiza, la cosiddetta lenticchia d’acqua, una piccola pianta acquatica galleggiante, e l’Echinogammarus veneris, un crostaceo d’acqua dolce simile a un gamberetto, che è poi l’alimento base di pesci come le trote. Le piantine sono state immerse in acqua contaminata da microplastiche di circa 50 micrometri - più piccole del diametro di un capello – e dopo 24 ore trasferite nella vasca dei gamberetti. I risultati hanno dimostrato che le piante, durante l’esposizione, oltre a una lieve riduzione del contenuto di clorofilla, hanno accumulato un elevato quantitativo di microplastiche sulle radici di cui i crostacei si cibano, ingerendone in media circa 8 particelle per esemplare. Inoltre, è stato possibile anche dimostrare come le microplastiche, una volta ingerite dai crostacei, vengano sminuzzate e ‘restituite’ all’ambiente sotto forma di escrementi, che possono rientrare nella catena alimentare, cosiddetta ‘del detrito’, in maniera potenzialmente più pericolosa di quella di partenza.

“Questo studio mostra chiaramente, all’interno di un sistema controllato di laboratorio, i meccanismi attraverso i quali le microplastiche entrano e si trasferiscono all’interno della catena alimentare”, sottolinea Valentina Iannilli, ricercatrice Enea del Laboratorio Biodiversità e servizi ecosistemici. “Le piantine, infatti, hanno avuto il ruolo di ‘raccogliere’ e ‘trasferire’ queste particelle ai crostacei, fonte di cibo per i pesci che a loro volta accumulano microplastiche anche nei muscoli, che sono poi le parti che noi mangiamo”.

Infine, sono stati valutati gli effetti diretti delle microplastiche sul Dna dei crostacei, per comprendere se queste particelle potessero indurre anche genotossicità, ovvero danni a livello del materiale genetico. Dopo solo 24 ore, è stato possibile osservare come gli individui ‘trattati’ con le microplastiche presentino un livello di frammentazione del Dna significativamente superiore rispetto a quelli non trattati, dimostrando come queste particelle siano effettivamente in grado di indurre un danno al Dna nelle cellule degli organismi studiati.

Questo significa che le microplastiche non sono, come spesso riportato, materiale inerte che non interagisce con le funzioni degli organismi, ma che, invece, si ‘muovono’ lungo la catena alimentare con effetti diretti anche sull’integrità del patrimonio genetico e di conseguenza potenziali a lungo termine su popolazioni, comunità e interi ecosistemi. Un risultato che deve far riflettere sulla pericolosità del rilascio nell’ambiente di queste particelle microscopiche derivate dalle attività antropiche, anche in considerazione della loro diffusione in tutte le matrici ambientali quali acqua, suolo, aria, ghiacci dell’Artico fino ai sistemi agricoli.

In alcuni siti del Mediterraneo è stato rilevato un aumento dell'80%, in poco piu' di due anni e mezzo, di microplastiche. Un risultato ottenuto dal gruppo di ricerca di Aten Center - Advanced Technologies Network Center, dell'Universita' degli Studi di Palermo - che ha effettuato un'analisi quantitativa sulle microparticelle che hanno inquinato e continuano a contaminare i mari. In particolare - in un arco temporale compreso tra settembre 2019 e maggio 2022 - il dato sulla presenza di microplastiche per litro, a largo delle coste spagnole, nel Mar Mediterraneo e' balzato da 1.180 a 2.180 unità, mentre il valore medio lungo la rotta da Palermo a Gibilterra e' aumentato da 803 a 1.440 unità, cioe' di oltre l'80%. Tutto questo solo nello stato piu' superficiale dell'acqua, ad una profondita' massima di un metro.

Fonti

Studio Enea-Cnr pubblicato sulla rivista internazionale 'Water'


Riproduzione riservata © Copyright ANSA
Il Fact-check è uno strumento dell'agenzia ansa contro la disinformazione
Offriamo informazioni utili contro le falsità che circolano attraverso la rete

I nostri team fanno del loro meglio per consultare tutte le domande che ci vengono sottoposte. Lavoriamo per rispondere alle richieste e proposte che ci pervengono sulla base di diversi criteri e ci riserviamo il diritto di operare una selezione tra tutte le richieste dando priorità a quelle più rilevanti e interessanti per il pubblico. Riteniamo che i reclami fantasiosi, infondati, offensivi, minacciosi o chiaramente derivanti da un'azione coordinata di spam non richiedano una nostra risposta. Per consentirci di rispondere a una richiesta di verifica, il messaggio o la dichiarazione su cui si richiede di indagare devono alludere a fatti o dati. Non verifichiamo opinioni o, in genere, affermazioni su eventi non ancora accaduti.

Informativa privacy

(*) Tramite il modulo è possibile inviare informazioni su possibili errori nei fact check ANSA

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.