Inquinamento ambientale dietro 10% casi di cancro nell'Ue

Agenzia per l'ambiente: smog, radon, UV, fumo, sostanze, amianto

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - L'inquinamento dell'ambiente e dei posti di lavoro sta dietro al 10% dei casi di cancro in Europa.
    Lo sostiene il rapporto dell'Agenza per l'ambiente dell'Unione europea (Eea) "Battere il cancro - il ruolo dell'ambiente europeo", diffuso sul suo sito.
    L'inquinamento dell'aria, all'esterno e negli edifici, è collegato all'1% di tutti i casi di cancro in Europa, e causa circa il 2% di tutte le morti per tumore. Solo per il cancro ai polmoni, la percentuale sale al 9% delle morti. L'esposizione al radon è legata al 2% di tutti i casi di tumore, e la radiazione ultravioletta naturale al 4%, specie per il melanoma.
    Il fumo passivo può aumentare il rischio di cancro fino al 16% in persone che non hanno mai fumato. Alcune sostanze chimiche usate nei luoghi di lavoro in Europa e rilasciate nell'ambiente sono cangerogene: piombo, arsenico, cromo, cadmio, acrylamide, pesticidi, Bisfenolo A e Pfas. L'amianto provoca dal 55 all'88% dei casi di tumore al polmone sul posti di lavoro, oltre a colpire laringe e ovaie. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA