Banche: Colombani,sistema non è etico, snodo è sostenibilità

Segretario First Cisl, orientare risparmi verso l'economia reale

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "L'etica per la banca e per la finanza è una necessità, ma il sistema bancario oggi non è etico. C'è bisogno che la politica riprenda possesso delle proprie prerogative e non abdichi alle autorità di vigilanza.
    Oggi abbiamo una grande opportunità perché il tema della sostenibilità è il primo nelle agende politiche di tutti i governi del pianeta, è uno snodo fondamentale". Lo afferma il segretario generale della First Cisl, Riccardo Colombani, nel suo intervento al convegno "Banche per il futuro, tra Pnrr e nuovi modelli di sviluppo del territorio", al quale hanno partecipato anche il segretario confederale della Cisl Andrea Cuccello, il presidente del Censis, Giuseppe De Rita, e l'economista Lucio Lamberti.
    Per Colombani, bisogna "evitare di rincorrere di nuovo la necessità di avere profitti a prescindere da parte delle banche, si è perso il senso del limite. Bisogna incentivare i comportamenti virtuosi. Lo Stato ha il compito di indirizzare l'economia, ad esempio attraverso l'incentivazione di nuovi modelli di consulenza". Il tema vero, aggiunge, è "fare consulenza su base indipendente. Abbiamo un risparmio gigantesco delle famiglie, lo sforzo vero è orientarlo verso l'economia reale. Ed è uno sforzo culturale. C'è la necessità di porre chiaramente dei limiti veri. Perché la vendita dei diamanti allo sportello non ha niente di etico. Credo poi vada valorizzata la biodiversità bancaria e la funzione sociale della cooperazione".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA