Pnrr: Giovannini, dobbiamo stimolare imprenditoria giovanile

'Ci sono anche risorse altri fondi europei'

Redazione ANSA FIRENZE

(ANSA) - FIRENZE, 25 SET - "Abbiamo assoluto bisogno di stimolare l'imprenditoria giovanile, e il Pnrr italiano contiene alcune regole che sono già in attuazione su questo". Lo ha affermato Enrico Giovannini, ministro per le Infrastrutture e mobilità sostenibili, intervenendo in collegamento video al Festival nazionale dell'Economia Civile.
    "Rete ferroviaria italiana ha già fatto dei bandi - ha spiegato - che recepiscono le condizioni, sia per partecipare alle gare sia di premialità, per quelle imprese che aumentano l'occupazione giovanile e femminile: parliamo di un settore in cui per esempio l'occupazione femminile, parlo delle costruzioni delle ferrovie, ancora è indietro, ma è stata una scelta che abbiamo voluto fare non solo decidere cosa fare, ma come farlo, con un orientamento proprio alle giovani generazioni".
    Giovannini ha ricordato che, ai tempi del governo Letta, "da ministro mi ero accorto che non esisteva una onorificenza in Italia per i giovani imprenditori: provai a realizzarla, poi mi fu detto che il ministro del Lavoro si occupa del lavoro dipendente, non di quello non dipendente, quindi passai tutta la pratica al mio collega. Poi il governo cadde, e non se ne fece di nulla". il ministro ha anche sottolineato che "non c'è solo il Pnrr: ci sono 15 miliardi del fondo sviluppo e coesione; ci sono le risorse, 80 miliardi, dei prossimi fondi europei; ci sono i fondi pluriennali di investimento". "Quello che stiamo provando a fare al Ministero - ha aggiunto -, che già ha la fetta maggiore del Pnrr e del fondo complementare, 62 miliardi di cui più della metà nel Mezzogiorno, è darci un approccio sistemico, in modo da spingere le Regioni e i Comuni stessi a spendere le altre risorse secondo i criteri del Pnrr. La partita non è finita: e quindi le proposte che stanno arrivando, se non sono contenute nel Pnrr possono essere invece veicolate attraverso altri fondi". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA