Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ambientalisti, 'esclusi dai tavoli dove si decide il Pniec'

Ambientalisti, 'esclusi dai tavoli dove si decide il Pniec'

'La società civile consultata solo con un questionario'

ROMA, 27 febbraio 2024, 18:39

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Nonostante le numerose richieste di interlocuzione e di partecipazione ai tavoli tecnici dove effettivamente si sta scrivendo il Pniec e si stanno definendo scelte che influenzeranno la politica energetica e climatica almeno fino al 2030, le richieste delle associazioni ambientaliste - supportate da position papers con dati scientifici e argomentativi - sono rimaste del tutto inascoltate". Lo scrivono in una nota congiunta le ong Wwf Italia, Greenpeace Italia, Legambiente, Kyoto Club e Transport&Environment "Il 30 giugno 2024, data entro la quale è previsto l'invio della versione definitiva dell'aggiornamento del Pniec alla Commissione, è sempre più vicino" scrivono le associazioni.
    Queste "chiedono nuovamente di poter interloquire in maniera diretta e approfonditamente con il Mase e con gli altri stakeholder; e di poter effettivamente contribuire all'elaborazione del Pniec, partendo dal confronto sulle numerose criticità presenti nel Piano".
    Secondo le ong, "incurante delle critiche già ricevute, il Mase ha deciso di procedere alla consultazione della società civile nuovamente e solamente con un altro questionario: ventuno domande aperte (ma per lo più circostanziate e indirizzate, non sempre in maniera neutra) in relazione a diversi ambiti del Pniec, dove si chiede a istituzioni, privati, associazioni e stakeholder di indicare cosa si ritiene prioritario inserire nel Piano".
    "Il questionario non offre reale opportunità per assegnare un peso e un indirizzo a ciascuna delle tecnologie che possono concorrere alla decarbonizzazione e alla transizione energetica", scrivono le ong, e "omette di indicare che molte scelte già sono state fatte nella bozza di aggiornamento presentata alla Commissione; e rispetto a quella bozza si manca, qui, di richiedere un sostanziale contributo di visione sui punti chiave per la transizione energetica, come la roadmap per l'effettivo phase out da tutte le fonti fossili (compreso il gas naturale) assolutamente assente nel presente Piano".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza