Quando la scienza parlò salentino: L'Archivio di Stato di Lecce svela le testimonianze della ricerca tecnico - scientifica in Terra d'Otranto tra Sette e Ottocento

Lecce - Mostra

L’Archivio di Stato di Lecce aderisce all’apertura straordinaria degli archivi e delle biblioteche “Domenica di carta”, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo nel giorno 10 ottobre 2017, avente come fondamento il dettato costituzionale secondo i quale  “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. L’Istituto propone, nella sede di via Sozy Carafa15,  la mostra QUANDO LA SCIENZA PARLO’ SALENTINO:  l’Archivio di Stato di Lecce svela le testimonianze della ricerca tecnico-scientifica in Terra d’Otranto tra Sette e Ottocento, allo scopo di evidenziare come la provincia di Terra d’Otranto, a causa di un preconcetto che riguarda un po’ tutta l’Italia meridionale, ancora  diffuso e quasi inconsciamente radicato negli stessi abitanti, sia stata impropriamente collocata ai margini del circuito scientifico italiano ed internazionale. Si intende dare perciò l’occasione di riscoprire un passato poco conosciuto e far sì che divenga patrimonio di tutti i cittadini,  tramite la più larga diffusione ed accessibilità delle “carte” qui conservate, relative ai contributi recati dagli scienziati salentini nei più svariati campi della ricerca e della sperimentazione, dalla botanica alla zoologia,  dalla mineralogia alla geologia,  dalla meteorologia all’agraria,  dalla sismologia all’archeologia, dalla fisica alla paleontologia nei sec. XVIII-XIX.

Il percorso odierno è esemplificato nella esposizione di documenti relativi ad Oronzo Gabriele Costa, Cosimo De Giorgi, Cosimo Moschettini, Gaetano Stella, Giovanni Presta, ma in special modo Giuseppe Candido, inventore della pila elettrica che porta il suo nome e degli orologi sincronizzati: quest’ultima applicazione dell’elettricità fu l’unica ad essere realizzata con successo in Europa. A corollario della mostra, alcuni documenti che testimoniano la tendenza all’innovazione nei campi che interessano settori vitali dell’economia nel nostro Salento, come le stazioni pluviometriche così importanti per  l’agricoltura, e i trasporti, resi ultramoderni dalla costruzione della tramvia elettrica Lecce - S. Cataldo.



Sozy Carafa, 15, Lecce

+39.0832246788

http://www.archiviodistatolecce.beniculturali.it

as-le@beniculturali.it

Modifica consenso Cookie