Valle d'Aosta

Green pass, drive-in aostano potenziato per 15 ottobre

Lavevaz, farmacie invece si muovono in maniera autonoma

In vista del 15 ottobre, giorno in cui entrerà in vigore l'obbligo di green pass per i lavoratori, "implementeremo la struttura del drive-in per garantire la gratuità del tampone a chi ne ha diritto. Laddove il tampone deve essere pagato il discorso è invece diverso. Ci sono problemi, che peraltro stiamo risolvendo, ma ovviamente il tema del carico di richieste di tamponi presso le farmacie compete essenzialmente alle farmacie stesse, che si muovono in autonomia rispetto alla Regione". Lo ha detto in Consiglio Valle il presidente della Regione Erik Lavevaz rispondendo a un'iniziativa del gruppo Lega VdA che chiedeva conto delle "iniziative per garantire la disponibilità dei test antigenici a tutti coloro che ne avranno necessità". Lavevaz ha specificato che "il decreto-legge del 21 settembre precisa due aspetti fondamentali: il prezzo calmierato dei tamponi (15 euro per gli adulti e 8 euro per i minori); la gratuità dei tamponi riservata a chi non può fare il vaccino. Io condivido i contenuti del decreto, che va nella logica di non incentivare l'uso dei tamponi in alternativa alla vaccinazione". Polemici i leghisti: secondo il capogruppo Andrea Manfrin "il presidente non vuole rispondere e soprattutto non vuole garantire il tampone a chi ne ha bisogno, se ne assumerà le responsabilità". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie