Coronavirus: Vdalibra, ci vorrebbe presidente con buon senso

Cognetta e Ferrero, invocare commissario oggi è tardivo

"Più che di commissari tardivi, ci sarebbe bisogno di un governo con un Presidente che usi il buon senso. Vdalibra non ha sottoscritto la lettera perché è da tempo che sosteniamo l'inadeguatezza di questa Giunta, basti pensare come l'Assessore alla sanità fosse già stato oggetto di mozione di sfiducia nel giugno del 2019. Tante cose non funzionano nella sanità valdostana e, fuori da quest'incubo, andranno ridiscusse.
    Ma, oggi, invocare un commissario all'emergenza Coronavirus appare tardivo oltre che dannoso, considerato che la gestione dell'emergenza è in fase avanzata e una nomina fatta ora non farebbe che rallentare le azioni già intraprese". Lo dichiarano i consiglieri regionali Roberto Cognetta e Stefano Ferrero, aggiungendo: "Sono anni che diciamo che la gestione delle microcomunità andava centralizzata in capo all'Usl e oggi, alla luce di quanto accaduto, forse non avevamo così torto; così come riteniamo del tutto inopportuni e inutili i continui litigi in Giunta, tanto Testolin, che si comporta da padrone assoluto della Valle d'Aosta e avendo subìto per anni l'imperatore Augusto, sa benissimo come schiacciare i suoi avversari".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie