Cervino,scatta obbligo prenotare bivacco

Contro sovraffollamento. Barmasse, ma nessun divieto di salita

Dopo il Monte Bianco, anche il Cervino si prepara a nuovi criteri contro il sovraffollamento.
    Dall'estate scatta l'obbligo di prenotazione per la Capanna Carrel, rifugio a 3.830 metri e punto di sosta tra la prima e la seconda giornata di scalata ai 4.478 metri della vetta. "Il problema è che il rifugio può contenere 50-60 persone, ma se ne arrivano un centinaio non può semplicemente ospitarle", spiega l'alpinista e guida alpina del Cervino Hervé Barmasse, che invece aveva criticato le recenti regole imposte lungo la via normale francese al Monte Bianco. Ma non regge, secondo Barmasse, il paragone con l'obbligo di prenotazione del rifugio del Gouter per arrivare sul tetto d'Europa: "Per salire sul Cervino non per forza bisogna pernottare a Capanna Carrel. Chi è più bravo può partire più in basso, dal rifugio Duca degli Abruzzi". Nessuna ordinanza, e quindi nessuna sanzione: "Noi - sottolinea il presidente della Società guide alpine del Cervino, Flavio Bich - non vogliamo limitare la possibilità di salire".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere