Cartellone con 280 eventi per Uj 2019

Il festival in 12 location, anche S. Francesco al Prato

Sono 280 gli eventi, per la maggior parte gratuiti, in programma per Umbria jazz 2019, a Perugia dal 12 al 21 luglio in 12 diverse location, dai grandi spazi dell'Arena Santa Giuliana e Piazza IV Novembre al club di Via della Viola. Una novantina di band in cartellone con centinaia di musicisti.
    Umbria jazz torna a SAN FRANCESCO AL PRATO con "Seven Dreams", il progetto che il festival ha commissionato a Uri Caine, per il suo trio e la Umbria Jazz orchestra, più gli archi di quella da Camera di Perugia. L'ultima volta di Uj a San Francesco al prato fu nell'edizione 1997. Nel settembre di quell'anno il terremoto non risparmiò un edificio che nel corso dei secoli aveva già subito diversi traumi. Cominciò allora un lungo cammino verso il restauro del monumento e la sua riconversione in auditorium.
    L'ARENA SANTA GIULIANA, trasformata in un comodo, grande teatro a cielo aperto, resta la sede dei grandi eventi della rassegna. Oltre alle star del jazz ospita rock, pop, canzone d'autore, soul. Un vasto spazio che vive non di sola musica ma si presta anche a momenti conviviali.
    IL TEATRO MORLACCHI è da sempre dedicato al jazz, nelle sue eterogenee espressioni e nelle ormai molteplici ramificazioni, ma pur sempre e comunque jazz. Musica per puristi, che richiede per definizione un ambiente chiuso, acusticamente perfetto, di dimensioni idonee.
    LA SALA PODIANI DELLA GALLERIA NAZIONALE DELL'UMBRIA riprende la tradizione della musica nei grandi musei. Il cartellone è di nicchia quanto qualitativamente di alto livello. Si privilegiano le proposte meno consuete, da ascolto attento. Quest'anno il programma raddoppia. Oltre all'ormai consolidato concerto di mezzogiorno, ce ne sarà uno alle 15,30. Il pubblico della Sala Podiani potrà anche vedere una mostra di fotografie di Jimmy Katz, uno dei più grandi ritrattisti del jazz, organizzata dal Museo in collaborazione con il festival.
    In PIAZZA IV NOVEMBRE E NEI GIARDINI CARDUCCI va in scena la musica gratuita. Così Umbria Jazz è nata e a questa tradizione non ha mai rinunciato. Qui i generi musicali sono swing, blues, soul, gipsy, mentre la naturale location della marching band è la strada.
    IL CLUB in Via della Viola, aperto fino alle ore piccole, ospita le jam session. Per Umbria Jazz significa riprendere una vecchia tradizione che affonda le radici nella storia del jazz e nell'immaginario condiviso dei suoi fans.
    JAZZ FOOD & WINE. È abitudine consolidata di Umbria Jazz coniugare musica e specialità enogastronomiche del territorio.
    Nella Bottega del Vino, enoteca nel cuore dell'acropoli, si può pranzare, cenare o prendere l'aperitivo ascoltando il soul d'autore di Koku Gonza e le atmosfere gipsy di Accordi Disaccordi. Aperitivo (per la precisione, un Cheese Tasting) con musica tutti i giorni, ore 18,30, all'Hotel Brufani con il trio di Benny Green e la cantante Veronica Swift, considerata in America una delle nuove star della vocalità jazz.
    Nell'Arena Santa Giuliana, infine, è aperto tutte le sere dalle ore 19 un ampio spazio che comprende un vero e proprio ristorante. Si mangia e si ascolta buona musica (Koku Gonza) prima del concerto.
    UMBRIA JAZZ PER IL JAZZ DI DOMANI. Ogni anno sono circa 200 gli iscritti ai corsi estivi (9-21 luglio) del Berklee College of Music di Boston che si tengono a Perugia (questo è il trentaquattresimo anno) e che permettono di studiare la musica nei suoi diversi aspetti (tecnica degli strumenti, improvvisazione, musica d'insieme) con un metodo didattico che ha sempre dato buoni frutti. Anche quest'anno gli allievi più promettenti emersi dai corsi si esibiscono sul palco di Piazza IV Novembre. E sempre in tema di giovani, il concorso organizzato da Conad e Umbria Jazz (ottava edizione) intende scoprire e valorizzare i talenti del jazz di domani. Il concorso offre a giovani musicisti spazi di visibilità e un supporto concreto alla carriera: in palio sono un premio in denaro, l'esibizione sul palco di Umbria Jazz e un tour in importanti club nazionali, oltre a due tappe speciali a Matera e L'Aquila.
    A individuare i dieci finalisti saranno due giurie, una tecnica ed una popolare in rete, e tra questi, ascoltati dal vivo durante il festival, la giuria artistica presieduta da Paolo Fresu sceglierà il vincitore. Un altro segnale di attenzione ai giovani è la presenza in cartellone di una mini rassegna (tre giornate) dal titolo "Jazz@Conservatorio", con gli allievi del Conservatorio perugino Francesco Morlacchi. Al Teatro Morlacchi, per il secondo anno consecutivo, si esibirà la New Talents Jazz Orchestra diretta da Mario Corvini, costituita da giovani musicisti di talento provenienti da varie regioni italiane.
    UJ4KIDS. Umbria Jazz, con la Regione Umbria e l'Istituto Comprensivo 2 Montessori-Ciabatti di Perugia ha attivato un percorso didattico e sperimentale di tre mesi come prologo alla realizzazione di una intera sezione del festival estivo dedicata ai bambini, in forma di laboratori ed intrattenimento. È il contributo che Umbra Jazz offre al primo punto programmatico fissato dalla neonata Federazione Italiana del Jazz in accordo con il Mibact.
    L'ANTEPRIMA. Il giorno precedente l'apertura del festival, giovedì 11 luglio, Umbria Jazz terrà un concerto gratuito in Piazza IV Novembre, con inizio alle 21. Sul palco, due band, Con Brio e Wee Willie Walker & Anthony Paule Soul Orchestra.
    UMBRIA JAZZ: "SALVIAMO IL PIANETA!". Umbria Jazz si schiera a fianco di chi ha a cuore la salute della Terra e vuole contribuire a difendere l'ambiente da inquinamento e cambiamenti climatici. Un appello in tale direzione sarà lanciato dal palco dell'arena Santa Giuliana, prima del concerto di Thom Yorke, il 20 luglio, da padre Enzo Fortunato, della rivista San Francesco dei frati di Assisi, ed un rappresentante di Greenpeace. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere