Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Terremoto: rinviata in commissione una mozione di Bianconi

Terremoto: rinviata in commissione una mozione di Bianconi

'Valorizzazione del patrimonio abitativo emergenziale'

PERUGIA, 28 novembre 2023, 17:49

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Aula di Palazzo Cesaroni ha deciso, su proposta del capogruppo leghista Stefano Pastorelli, l'invio in commissione della mozione presentata da Vincenzo Bianconi (Misto) e intitolata "Valorizzazione del patrimonio abitativo emergenziale post sisma umbro", coordinando strategie ed interventi con i comuni interessati, al fine di contrastare lo spopolamento e l'emergenza abitativa, garantendo anche alle comunità locali alloggi sempre efficienti e disponibili per l'emergenza, creando ove possibile, servizi utili alle esigenze dei residenti e complementari al tessuto economico esistente".
    Prima del rinvio - è detto in un comunicato della Regione - Bianconi ha illustrato l'atto di indirizzo, spiegando che esso mira a richiedere "la ricognizione delle strutture alloggiative emergenziali presenti nel territorio regionale, costruite dal sisma del 1997 fino a quello del 2016, indicando quali sono immediatamente utilizzabili e quali lo sarebbero in seguito a interventi di manutenzione, specificando tempi e costi degli stessi: la predisposizione, in collaborazione con i Comuni interessati, il Governo e ogni altro soggetto ritenuto utile, di una progettualità ed un piano finanziario per un eventuale utilizzo di tali strutture, differenziando forme e modalità di impiego per quelle che dovrebbero restare nei Comuni destinate all'emergenza; la valutazione di costi e benefici sociali, economici e ambientali di una totale o parziale loro rimozione e conseguente ripristino dei luoghi ovvero della loro manutenzione in carico alla comunità al fine di poterne garantire la perfetta funzionalità a fini esclusivamente emergenziali; l'assegnazione, nel più breve tempo possibile, delle eventuali strutture prefabbricate abitative immediatamente disponibili prioritariamente a famiglie con documentate situazioni di disagio sociale ed economico, alle giovani coppie, ai single con figli, nel rispetto delle normative vigenti, delle eventuali graduatorie presenti e con la collaborazione con i servizi sociali dei Comuni interessati e i competenti uffici ed enti regionali".
    "O ancora - ha continuato - l'assegnazione di eventuali strutture non destinate ad affrontare l'emergenza alloggiativa per i residenti alla creazione di progetti di utilità sociale, ad alloggio per lavoratori stagionali con reddito e busta paga bassa impiegati in imprese operanti e residenti nei comuni interessati. Inoltre la predisposizione, superata l'emergenza alloggiativa locale dei residenti, in collaborazione con tutti i soggetti pubblici e privati ritenuti utili, di un piano per favorire e sostenere un loro utilizzo a favore sia di nuove imprese costituite da residenti, giovani e altre categorie svantaggiate e sia a supporto di imprese con stesso codice Ateco, con sede legale ed operativa nei territori interessati da almeno due anni, utilizzando eventuali risorse finanziarie a supporto per una riqualificazione delle strutture derivanti da fondi europei, nazionali, regionali, comunali e/o da partnership pubblico-private".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza