Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Violenza di genere, sottoscritto il Protocollo d'intesa trentino

Violenza di genere, sottoscritto il Protocollo d'intesa trentino

Si tratta del 5/o rinnovo dell'accordo tra istituzioni

TRENTO, 22 febbraio 2024, 16:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

È stato sottoscritto questa mattina il "Protocollo di intesa per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della violenza di genere in Provincia di Trento".
    L'obiettivo dell'accordo, che è al 5/o rinnovo, è quello di monitorare e comprendere meglio l'ampiezza del fenomeno in provincia di Trento, ma anche quello di formare gli operatori.
    Da quest'anno - si legge in una nota - hanno sottoscritto il Protocollo anche la Questura di Trento, il Comando provinciale dei carabinieri, la Federazione trentina della cooperazione e la Fondazione Bruno Kessler. Gli altri firmatari sono la Provincia di Trento, il Commissariato del governo, le Procure di Trento e di Rovereto, il Consorzio dei comuni trentini, l'Azienda provinciale per i servizi sanitari e l'Università di Trento.
    "Attraverso il rinnovo e l'ampliamento di questo protocollo vogliamo consolidare il sistema di raccolta dati condiviso, la sensibilizzazione e la formazione di tutti coloro che, a vario titolo, possono essere coinvolti nei casi di violenza sulle donne. Solo unendo le forze possiamo contrastare questo fenomeno", ha affermato il presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti.
    In Trentino ad oggi ci sono due Centri antiviolenza, uno a Trento e l'altro aperto pochi giorni fa a Rovereto, e due punti periferici a Cles e a Cavalese. Sono due, invece, i servizi residenziali per donne vittime di violenza ad indirizzo segreto (le cosiddette "case rifugio"). Inoltre, esiste il servizio Centro per uomini autori di violenza, che dal 1/o ottobre 2023 è interamente finanziato da risorse provinciali in modo strutturale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza