Vaccini: Alto Adige, cresce numero sanitari disponibili

Non si presentano, polemiche per 4 dosi buttate in rsa

(ANSA) - BOLZANO, 15 GEN - Fa discutere in Alto Adige il caso di quattro dosi di vaccino buttate perché gli addetti di una casa di riposo, che in un primo momento si erano prenotati, hanno cambiato idea e non si sono più fatti vaccinare. Il flaconcino era ormai scongelato. "Purtroppo è vero, in così poco tempo non è stato possibile trovare rimedio", dice all'ANSA il direttore generale dell'Azienda sanitaria Florian Zerzer, sottolineando che si tratta di una struttura che non fa parte dell'Asl.
    Dopo una partenza un po' a rilento e le polemiche per l'elevata percentuale di sanitari 'obbiettori', "per fortuna ora cresce il numero dei dipendenti dell'Azienda sanitaria disposti a farsi vaccinare", sottolinea Zerzer. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie