Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Franco Nero, "Non è ancora l'ora della pensione"

Franco Nero, "Non è ancora l'ora della pensione"

A Hollywood, ''solo non mi sento di fare il sequel di Django''

LOS ANGELES, 29 febbraio 2024, 12:10

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Franco Nero incanta Hollywood.
    A 82 anni e più di 200 film alle spalle, è l'ospite d'onore della nona edizione del festival di cinema italiano Filming Italy - Los Angeles creato e diretto da Tiziana Rocca, con la sua casa di produzione Agnus Dei e in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura.
    "La prima volta che sono venuto a Hollywood era il 1966. Era bellissima. Ogni sera uscivo a far festa con Paul Newman, James Stewart o colleghi di quel calibro…In Italia era appena uscito Django e mi hanno chiamato qui per girare Camelot", ricorda all'ANSA prima di ricevere il premio alla carriera.
    L'anno da cui Nero comincia a raccontare è cruciale nella sua carriera. Dopo gli esordi con ruoli secondari, il 1966 lo trasforma in una star e in un sex symbol internazionale. John Huston, che sta girando a Cinecittà con Dino De Laurentiis, gli affida la parte di Abele, il fratello buono della Bibbia. Sergio Corbucci, che sfida Sergio Leone sul terreno dello Spaghetti Western, lo sceglie per il ruolo del pistolero senza pietà che lo renderà per sempre un'icona. È allora che Joshua Logan gli affida Lancillotto nel suo musical sulla tavola rotonda ("uno dei preferiti di John F.Kennedy", assicura Nero), dove si innamora di Ginevra/Vanessa Redgrave.
    "La vita dell'attore ha alti e bassi - continua Nero - Me lo disse Lawrence Olivier, il più grande attore al mondo: 'Tu sei un bell'uomo, faccia pulita, vincente. Puoi scegliere sempre il ruolo dell'eroe. Oppure scegli di fare l'attore. Rischia! Raccoglierai i frutti!'. Aveva ragione", dice soddisfatto.
    Fascino e sguardo immutati, fisico leggermente appesantito, l'unica cosa che Nero non si sente più di fare è Django Lives!, che "una produzione americana tenta di mettere in marcia dal 2020. Ero molto atletico e ho usato poco gli stunt. Non me la sento di riprendere quel ruolo quasi 60 anni dopo, di montare a cavallo e tutto il resto. Ma vedremo…".
    Per ora, è pronto per Cuba: "Vado a girare 'Black beans and rice'. Ho adorato la sceneggiatura di Brandon Cole e nel 2020 l'ho portata a Robert Port e Rick Dugdale (regista e produttore con cui l'anno precedente Nero aveva fatto 1944 - La battaglia di Cassino)". La pandemia lo ha rallentato, ma non fermato.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza