Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Borsa: Milano fiacca con Mediobanca e utility, bene il Banco

Borsa: Milano fiacca con Mediobanca e utility, bene il Banco

Corre Leonardo, non fa prezzo Sogefi. Giù Moncler e Stellantis

MILANO, 26 febbraio 2024, 09:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Avvio debole per Piazza Affari con l'indice Ftse Mib in calo dello 0,17%: il listino principale risente delle prese di beneficio su Mediobanca (-1,3%), dopo il rally di venerdì innescato dalle voci di un possibile interesse di Unicredit (-0,1%) per Piazzetta Cuccia e la sua controllata Generali (+0,45%). Corre ancora Banco Bpm (+2,7%), tra i principali indiziati nel risiko bancario, davanti a Mps (+1%), Popolare di Sondrio (+0,9%) e Bper (+0,8%), altre potenziali prede di Orcel. Maglia rosa del listino è Leonardo (+3,5%).
    Vendite su Moncler (-1,4%) e Stellantis (-0,9%), nonostante un accordo per vendere 500 mila veicoli ad Ayvens, deboli anche Banca Generali (-0,9%), Eni (-0,7%) e le utilities con Hera (-0,9%), Italgas (-0,7%) e Terna (-0,6%). Si muove in controtendenza Tim (+0,8%) mentre Iliad, che ha acquistato quasi il 20% dell'operatore scandinavo Tele2, riaccende l'attenzione sul risiko delle tlc e aiuta Tim (+0,8%). Fuori dal Ftse Mib non fa prezzo Sogefi, che segna un rialzo teorico del 31% grazie alla cessione della divisione filtri, trascinando anche la controllante Cir (+11%).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza