Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Schnabel (Bce), 'improbabile un nuovo aumento dei tassi'

Schnabel (Bce), 'improbabile un nuovo aumento dei tassi'

'Una piacevole sorpresa la frenata dell'inflazione di novembre'

MILANO, 05 dicembre 2023, 11:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I dati sull'inflazione dell'Eurozona di novembre sono stati "una piacevole sorpresa" e "hanno reso un ulteriore aumento dei tassi piuttosto improbabile". Ad affermarlo è Isabel Schnabel, componente del comitato esecutivo della Bce, in una intervista a Reuters pubblicata sul sito della Bce.
    "La nostra politica monetaria sta funzionando", ha detto Schnabel, e i recenti dati sull'inflazione danno "più fiducia" sul fatto "che saremo in grado di tornare al 2% entro il 2025.
    Questo è il nostro obiettivo principale". "Siamo sulla strada giusta ma dobbiamo restare vigili".
    Schnabel, annoverata tra i 'falchi' a Francoforte, rivede dunque le sue posizioni rispetto ad ottobre, quando, seppur di fronte a un'inflazione anche allora calante, non aveva escluso la possibilità di un nuovo rialzo dei tassi. "Quando i fatti cambiano, io cambio opinione", afferma citando l'economista John Maynard Keynes.
    Quanto alla 'spinta' dei mercati, che prezzano una riduzione dei tassi già in primavera, "sono fiduciosi che l'inflazione scenderà rapidamente e pertanto stanno scontando tagli anticipati e molto consistenti dei tassi per il prossimo anno.
    Le banche centrali - prosegue Schnabel - sono più caute, e direi che devono essere più caute".
    Schnabel non esclude però a priori un taglio dei tassi verso la metà del 2024. "Rimaniamo dipendenti dai dati" e "dobbiamo vedere cosa succederà. Siamo stati sorpresi molte volte in entrambe le direzioni. Quindi, dobbiamo stare attenti nel fare dichiarazioni su qualcosa che accadrà tra sei mesi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza