Coronavirus: Wimbledon incasserà 100 milioni dall'assicurazione

Polizza sottoscritta nel 2003 dopo la Sars e sempre rinnovata

La cancellazione di Wimbledon ha suscitato delusione in milioni di appassionati nel mondo, ma nelle casse dell'All England Club porterà più di 100 milioni di euro. E' la copertura che l'organizzazione del più antico e prestigioso torneo di tennis al mondo incasserà grazie ad una polizza assicurativa, mai così lungimirante, sottoscritta qualche anno fa. Diversamente dal Roland Garros, costretto al rinvio da maggio a settembre, proprio per scongiurare perdite per oltre 240 milioni di euro, due giorni fa la 134esima edizione dei Championships è stata annullata pla prima volta dal 1945. Una scelta dolorosa, nelle parole dell'organizzazione, ma che non pregiudicherà i bilanci del ricco club londinese.

Tutto merito di una clausola, introdotta nel contratto assicurativo, contro l'annullamento per pandemie virali, del valore di circa 1,6 milioni di euro all'anno. L'idea di estendere la copertura assicurativa risale al 2003, in seguito ai timori per l'epidemia di Sars. Da allora l'organizzazione l'ha sempre mantenuta, rinnovandola di anno in anno. Nonostante i ricavi complessivi del torneo superino i 260 milioni di euro annui, quest'anno il torneo non dovrà affrontare gli ingenti costi di preparazione, i necessari ammodernamenti, e il montepremi complessivi che supera i 50 milioni di euro. "Naturalmente siamo fortunati ad avere un'assicurazione che ci aiuterà a risolvere tutti i problemi", ha confermato il direttore generale dell'All England Club, Richard Lewis. Wimbledon - scrive oggi il Times - è l'unico Slam ad avere una simile clausola nel contratto assicurativo contro la cancellazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie