Coronavirus: motogp Mugello; Poli, 'sperato fino a ultimo'

Ceo: rinvio gara inevitabile, ma torneremo più forti di prima

(ANSA) - SCARPERIA, 07 APR - "Abbiamo sperato fino a oggi, fino all'ultimo che la terribile situazione emergenziale in cui ci siamo ritrovati potesse essere risolta velocemente. Purtroppo così non è stato: in queste ultime settimane l'emergenza sanitaria si è intensificata tanto da costringerci, nostro malgrado, a posticipare a data da destinarsi il Gp d'Italia di motociclismo previsto il 31 maggio". Così Paolo Poli, ceo dell'autodromo del Mugello commenta la decisione di Fim, Irta e Dorna di spostare a data da destinarsi il Gp che si correva ormai ininterrottamente sul circuito toscano della Ferrari dal 1994. "La nostra primaria attenzione - ha proseguito Poli - è rivolta adesso ai nostri spettatori, agli appassionati, ai team e allo staff di professionisti che, ad ogni livello, garantisce da sempre il più alto standard organizzativo. Tutti in questo momento siamo sottoposti a una prova durissima".
    "Siamo consapevoli che i mesi che verranno non saranno facili per nessuno - ha concluso - ma siamo altrettanto certi che torneremo tutti più forti di prima. Da parte nostra ci impegneremo a fondo per far sì che la prossima, in qualunque data possa essere, sia un'edizione di straordinaria forza, coesione e rinascita". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie