Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

F1: veleni su caso Horner, email anonima con presunte chat

F1: veleni su caso Horner, email anonima con presunte chat

Il team principal Red Bull: 'non commento le speculazioni'

ROMA, 29 febbraio 2024, 19:20

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel giorno dei primi motori accesi della Formula 1 in Bahrain il caso Horner non e' chiuso, anzi e' al veleno: una mail anonima con presunte chat tra il team principal della Red Bull e la dipendente che lo aveva accusato di "comportamenti impropri" riaccende infatti i riflettori su una vicenda che sembrava esser finita con la chiusura dell'indagine interna da parte della scuderia austriaca. "Non commento speculazioni anonime", la dichiarazione in risposta di Horner.
    Quando si stava concludendo la seconda sessione di prove libere a Sackhir, una email anonima - come riportano diverse testate internazionali tra cui Bild, Sun e Indipendent - è stata inviata a numerosi giornalisti accreditati in Bahrain e a personaggi influenti del paddock (compresi i capi delle altre scuderie e il personale di Fom e Fia). In un Google Drive sono stati raccolti screenshot di presunte conversazioni tra i due, anche con immagini, secondo l'anonimo accusatore alla base dell'inchiesta che ha riguardato il massimo responsabile del team campione del mondo in carica.
    Una mail sulla quale sono arrivate le dichiarazioni del diretto interessato: "Non commenterò speculazioni anonime, ma ribadisco - afferma Horner - che ho sempre negato le accuse. Ho rispettato l'integrità dell'indagine indipendente e ho collaborato pienamente in ogni fase del percorso. Si è trattata di un'indagine approfondita e corretta condotta da un avvocato specializzato indipendente e si è conclusa respingendo la denuncia presentata. Rimango completamente concentrato sull'inizio della stagione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza