Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nba: Minnesota ko, volano i Celtics e i Thunder

Nba: Minnesota ko, volano i Celtics e i Thunder

Detroit strapazza Golden State 140-88, Curry ingabbiato

ROMA, 04 marzo 2024, 17:41

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

I Minnesota Timberwolves hanno perso il primato nella Western Conference della Nba dopo la sconfitta subita nella notte ad opera dei Los Angeles Clippers (89-88), con Kawhi Leonard (32 punti totali), che ha fatto la differenza negli ultimi secondi di gioco, contro i 27 punti di Anthony Edwards.

A passare avanti nella classifica sono i Thunder, che hanno vinto 118-110 non senza faticare a Phoenix. Oklahoma sembrava avere la partita in mano grazie a Shai Gilgeous-Alexander (35 punti, 8 rimbalzi, 9 assist e 3 stoppate) ma i Suns si sono rifatti sotto con i 31 punti di Bradley Beal e i 31 rimbalzi di Jusuf Nurkic, record negli ultimi 14 anni in Nba, prima di arrendersi Il risultato più eclatante è dei Boston Celtics, che hanno battuto Golden State 140-88.

Miglior squadra della stagione, i leader della Eastern Conference hanno ottenuto l'undicesima vittoria consecutiva e il terzo più grande successo della loro storia. Jayson Tatum ha segnato 22 dei suoi 27 punti totali durante un primo periodo devastante (82-38 all'intervallo). I Warriors, con Stephen Curry ingabbiato e autore di soli 4 punti, hanno concluso nel modo peggiore la serie di tre vittorie consecutive in trasferta.
    I San Antonio Spurs hanno battuto gli Indiana Pacers 117-105, con Victor Wembanyama ancora decisivo (31 punti, 12 rimbalzi, 6 assist e 6 stoppate). La tripla doppia dello sloveno Luka Doncic (38 punti, 11 rimbalzi, 10 assist) non ha impedito ai Dallas Mavericks di perdere 120-116 contro Philadelphia. A Cleveland, i New York Knicks hanno pagato l'uscita per infortunio del loro leader Jalen Brunson perdendo 107-98 con i Cavaliers. Gli Orlando Magic hanno battuto 113-91 i Pistons. Paolo Banchero protagonista con i suoi 29 punti e invece tutti male gli uomini di Detroit anche se Simone Fontecchio dalla panchina ha portato 15 punti, secondo miglior realizzatore dei suoi. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza