Responsabilità editoriale di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Cinque motivi per investire nel FinTech

Un trend, per definizione, dovrebbe essere immune da shock di breve termine, ma il fintech è andato un passo oltre offrendo una crescita durante la pandemia. È uno dei più grandi temi d’investimento al mondo, a cavallo tra i mercati emergenti e quelli sviluppati, ed è sostenuto da dinamiche positive sia demografiche che tecnologiche. Patrick Lemmens, portfolio manager global fintech equities di Robeco, ha evidenziato le cinque nuove ragioniper investire nel fintech.

 

1. I pagamenti online stanno diventando la norma e il denaro contante l'eccezione. L'allontanamento dal contante è ancora un tema molto caldo, e lo vediamo ora apparire nell'agenda politica. Tuttavia, si iniziano a osservare i primi segnali di aziende di elaborazione dei pagamenti paneuropee, un trend molto interessante che rispecchia quanto sta accadendo negli Stati Uniti. Secondo il manager di Robeco, negli anni a venire, non solo il tema della crescita di lungo periodo continuerà, ma molto probabilmente sarà accompagnato anche da un miglioramento dei margini, visti i vantaggi di scala di cui godono oggi i grandi conglomerati.

 

2. Il settore finanziario tradizionale e le società fintech non possono più fare a meno l’uno dell’altra. I servizi forniti dalle società fintech sono ancora fortemente specializzati e banche, assicurazioni e asset manager non hanno competenze specialistiche al loro interno. Ma è vero anche il contrario, perché i costi di avviamento e i costi di acquisizione dei clienti sono ancora molto elevati per tante startup, che si affidano quindi alle banche per sviluppare il proprio business. I servizi di robo-advisory forniti tramite software su siti web dimostrano che la tecnologia è in grado di raggiungere un gruppo di persone che in precedenza non costituivano una clientela economicamente interessante. Lemmens crede che nel tempo le soluzioni di robo-advisory porteranno a una più ampia penetrazione e che si faranno lentamente strada tra i servizi finanziari mainstream.

 

3. Investire nella cybersecurity sta creando nuove straordinarie opportunità. La sicurezza informatica è spesso considerata il tallone d'Achille della digitalizzazione, ma offre anche opportunità di investimento nelle aziende create per affrontarla. Queste vanno dai fornitori di software di sicurezza, alla semplice protezione antivirus fino ai firewall che impediscono l'hacking e le più avanzate tecnologie di crittografia e protezione dei dati.

 

4. 2 miliardi di persone in più in tutto il mondo avranno accesso alla finanza digitale. Due miliardi di persone nei mercati emergenti attualmente non hanno accesso a un conto bancario. Paesi come l'Indonesia, le Filippine, la Thailandia, il Brasile, il Messico e il Kenya stanno sperimentando molte attività di inclusione finanziaria grazie alle aziende fintech.

 

5. Cina e India sono i nuovi mercati chiave per investire nel settore. La vera battaglia del fintech sta iniziando in India dove il governo ha introdotto un sistema di identificazione biometrica che scansiona impronte digitali, retina e dati facciali. Questi dati consentono ai piccoli commercianti di registrare le persone utilizzando lettori di impronte digitali a basso costo, collegati al database. Il risultato è impressionante: sono ben 335 milioni i conti bancari familiari aperti in 4 anni. In Cina, la battaglia per le quote nel fintech si è già ampiamente combattuta, dato che colossi del calibro di WeChat e Ant Financial dominano ora il mercato dei pagamenti.

La responsabilità editoriale e i contenuti sono a cura di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Video Economia




Modifica consenso Cookie