Banca Etica: assemblea elegge prima presidente donna

Anna Fasano, 44 anni. Via libera soci a rinnovo cda e conti

(ANSA) - ROMA, 18 MAG - Banca Etica elegge la sua prima presidente donna e approva i conti. Anna Fasano, 44 anni e friulana: componente del CdA di Banca Etica dal 2010; dal 2016 ricopre il ruolo di Vicepresidente. Laureata in Economia Bancaria appassionata di Finanza Etica, economia sociale e organizzazioni del Terzo Settore è attualmente impegnata in diverse operazioni di housing sociale. L'assemblea ha rinnovato così il cda che oltre ad Anna Fasano annovera Andrea Baranes, Andrea Di Stefano, Marina Galati, Raffaele Izzo, Adriana Lamberto Floristan, Giacinto Palladino, Pedro Sasia, Aldo Soldi, Marco Carlizzi, Elisa Bacciotti, Arola Farré Torras e Lino Sbraccia. L'assemblea ha salutato il presidente uscente Ugo Biggeri che ha guidato Banca Etica negli ultimi 9 anni. E approvato il bilancio 2018 che si è chiuso con un utile di 3.287.703 euro. "In questi nove anni - spiega la banca mentre il Paese fronteggiava la recessione e il credit crunch e le altre banche si concentravano su riduzione dei costi e gestione dei crediti deteriorati - i prestiti erogati da Banca Etica sono cresciuti con incrementi annui a due cifre, complessivamente del 112%, ed i collaboratori sono aumentati del +72%. Un exploit di cui anche le istituzioni si sono accorte approvando - nel 2016 - la prima legge che riconosce la specificità della finanza etica in Italia (purtroppo ancora inattuata). L'assemblea ha anche deciso di incrementare il sovrapprezzo di Euro 1,50 per azione (+2,6% rispetto al precedente prezzo unitario complessivo per azione) e, quindi, di fissarlo complessivamente in Euro 6,50 per ogni azione emessa. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who