Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nella sanità e nell'istruzione oltre 7 lavoratori su 10 donne

Nella sanità e nell'istruzione oltre 7 lavoratori su 10 donne

Inps, 'solo 21% dei quadri e dei dirigenti è di sesso femminile'

ROMA, 21 febbraio 2024, 15:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel nostro mercato occupazionale, stando ai dati del 2022, alcuni settori presentano "un elevato tasso di femminilizzazione", pari a circa il 79% nella sanità, al 77% nell'istruzione, e del 53% nel comparto dell'accoglienza (alloggi e ristorazione), mentre le donne sono "sotto-rappresentate nel segmento manifatturiero (30% circa)". È quanto emerso oggi in un convegno che si è tenuto a Palazzo Wedekind, a Roma, organizzato dal Comitato di indirizzo e vigilanza dell'Inps, che ha puntato i riflettori sui divari di genere del mercato del lavoro e nel sistema previdenziale, evidenziando come, "nel corso degli ultimi dieci anni, la percentuale di donne impiegate nel settore privato non agricolo sia aumentata in modo marginale", visto che "il tasso di femminilizzazione, calcolato come la percentuale di lavoratrici rispetto al totale degli occupati, è passato dal 40,6% nel 2010 al 41,7% nel 2022".
    E, in generale, però, si osserva una scarsa presenza 'rosa' nelle posizioni apicali e maggiormente remunerative: nel 2022, infatti, "soltanto il 21% dei quadri e dei dirigenti è di sesso femminile, percentuale che era del 13% nel 2010". Pertanto, "il vantaggio retributivo maschile nei redditi annuali è di circa il 40% - senza grandi variazioni negli ultimi 10 anni - mentre scende a circa il 30% per le retribuzioni giornaliere".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza