Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Goldman, 'i tassi Fed muovono le materie prime più del Pil Usa'

Goldman, 'i tassi Fed muovono le materie prime più del Pil Usa'

L'effetto maggiore è sul greggio, sul rame e sull'oro

MILANO, 21 febbraio 2024, 14:06

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Saranno le decisioni della Fed a influire maggiormente sui prezzi delle materie prime piuttosto che l'andamento del Pil Usa.
    E' quanto sostengono gli analisti di Goldman Sachs in uno studio in cui viene indicato che "di recente le materie prime hanno avuto oscillazioni legate agli attesi tagli della Fed".
    Secondo gli analisti sarà quindi una possibile riduzione dei tassi d'interesse statunitensi indotta da un "atteggiamento più accomodante della Fed" a determinare le quotazioni delle differenti materie prime. In questo momento - spiegano gli analisti - "prevale una crescita della domanda e l'impatto positivo dei tassi d'interersse più bassi sia sulla domanda che sull'offerta rende teoricamente difficile prevedere l'andamento dei prezzi dei materiali". "In pratica - proseguono - sta prevalendo sui prezzi l'effetto dell'aumento della domanda, che riguarda in particolare il rame e l'oro". Seguono i prodotti petroliferi e il greggio, mentre è escluso un effetto sui prezzi del gas e dei prodotti agricoli, che dipendono anche dall'andamento climatico. Sul greggio, l'effetto di un calo di 100 punti base sui rendimenti dei titoli di stato Usa a due anni può triplicare, salendo dal 3% legato normalmente a una decisione della Fed al 9% nel giro di 1 o 2 anni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza