Borsa: Milano debole in chiusura (-0,55%), giù Inwit e Nexi

Spread in ribasso a 105,5punti, greggio spinge Saipem ed Eni

(ANSA) - MILANO, 05 MAR - Piazza Affari ha chiuso in calo l'ultima seduta della settimana (Ftse Mib -0,55% a 22.965 punti, tra scambi brillanti, in rialzo per oltre 3,11 miliardi di euro di controvalore. In ribasso lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 105,5 punti, con il rendimento decennale salito di 1,3 punti allo 0,751%. Sotto pressione Inwit (-3,7%) all'indomani dei conti e Nexi (-3,54%), frenata dai timori di un possibile ritiro del cash-back dopo le dichiarazioni di numerosi politici di centrodestra. Brillanti invece Saipem (+3,33%), Tenaris (+3,1%) ed Eni (+1,88%), spinte dal rialzo del greggio, che si è portato ad un soffio dai 66 dollari (Wti +3,38% a 65,99 dollari al barile) all'indomani del summit dei paesi dell'Opec che ha deciso di lasciare invariato il taglio delle quote della produzione. Hanno resistito nel finale i bancari, in luce per gran parte della seduta su ipotesi di aggregazioni, limando però il rialzo nel pomeriggio, Banco Bpm ha guadagnato lo 0,64%, Mps lo 0,67% e Bper lo 0,6%. Identico lo scostamento di Mediobanca, dopo uno scatto su ipotesi di nuovi acquisti da parte di Leonardo Del Vecchio e Francesco Gaetano Caltagirone, recentemente entrato in Piazzetta Cuccia con una quota di poco superiore all'1%. Poco mosse Unicredit (+0,26%) e Intesa (+0,11%). Sotto pressione Unipol (-3,19%) ed Stm (-2,73%).
    Pesanti anche Amplifon (-2,72%), Leonardo ed Exor (-2,03% entrambe) insieme a Buzzi (-1,93%), oggetto di prese di beneficio dopo la corsa delle ultime sedute insieme ai rivali europei. Giù Ferrari (-1,72%), Diasorin (-1,28%), Atlantia (-1,27%), Stellantis (-1,16%) e Recordati (-0,8%). (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie