Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il pianista Ingo Dannhorn a Bologna per Conoscere la Musica

Il pianista Ingo Dannhorn a Bologna per Conoscere la Musica

Il 6 marzo con musiche di Haendel, Beethoven e Brahms

BOLOGNA, 05 marzo 2024, 12:58

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Secondo appuntamento per il ciclo di concerti di Conoscere la Musica di Bologna, il 6 marzo alle 20.30 alla Sala Biagi, con il pianista Ingo Dannhorn, al debutto sotto le Due Torri. Il cinquantenne artista tedesco, del quale il collega Gerhard Oppitz ha detto: "ha favolose capacità tecniche e una combinazione ideale di intelligenza e sensibilità", suonerà sullo storico pianoforte Steinway del 1930 in dotazione alla Sala Biagi un programma che lega Haendel, Beethoven e Brahms.
    Si comincia con l'Aria e Variazioni in si bemolle maggiore tratta dalla Suite N. 1 HWV 434 di Georg Friedrich Haendel, e a seguire la celeberrima Sonata N. 21 in do maggiore Op. 53 "Waldstein" di Beethoven, per concludere con le altrettanto famose Variazioni e Fuga su un tema di Haendel Op. 24 di Johannes Brahms. Lo stesso tema da Haendel utilizzato per le sue assai più semplici variazioni all'interno della prima Suite in si bemolle maggiore.
    Quelle di Brahms, composte nel 1861 per Clara Schumann, furono eseguite per la prima volta il 7 dicembre ad Amburgo proprio da Clara, la quale scrivendo alla figlia Marie le disse: "Johannes ha scritto alcune bellissime cose e delle variazioni che mi hanno proprio deliziata, piene di genio e con una fuga alla fine che combina abilità ed ispirazione in una maniera di cui raramente ho visto l'eguale. Sono spaventosamente difficili, ma le ho quasi imparate - sono dedicate 'a una cara amica', e tu puoi immaginare quale gioia mi dà il fatto ch'egli abbia pensato a me mentre scriveva queste magnifiche variazioni".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza