Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Umano, Poco umano', esercizi spirituali per resistere all'IA

'Umano, Poco umano', esercizi spirituali per resistere all'IA

Crippa: "I rischi per il giornalismo sono drammatici"

MILANO, 27 febbraio 2024, 18:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'intelligenza artificiale può 'rubare l'anima' delle persone trasformando il modo in cui percepiscono il mondo, pensano, hanno relazioni con gli altri.
    Con il rischio di un appiattimento e di una sostituzione tecnica dell'IA sull'uomo. Per evitare tutto questo la strada è quella di guardare al passato, alla sapienza della filosofia e in particolare quella degli antichi. È quello che suggerisce il libro 'Umano, Poco umano. Esercizi spirituali contro l'intelligenza artificiale', di Mauro Crippa, direttore dei programmi di informazione e comunicazione Mediaset e Giuseppe Girgenti, docente di Storia della Filosofia Antica all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, edito da Piemme edizioni, presentato a Milano.
    "Questa tecnologia è diversa da tutte le altre perché trasforma forse anche i nostri modi sia di percepire il mondo, sia di pensare, sia di avere relazioni con le persone - ha spiegato Crippa a margine della presentazione alla libreria Rizzoli -. Quindi c'è un richiamo alla cultura classica, ai fondamenti del nostro sapere per ritrovare noi stessi e renderci un po' più forti nei confronti di questa novità".
    L'intelligenza artificiale sta avendo già un impatto reale e concreto su diverse professioni, come il giornalismo. "I rischi per il giornalismo sono drammatici. Più che rischi sono già realtà negative che si stanno verificando - ha spiegato Crippa -, di moltissime posizioni professionali giornalistiche che vengono sacrificate e vengono sostituite con delle macchine, dei robot che danno le notizie. E questo succede non in posti lontani ma anche in Europa e questo ci fa preoccupare molto perché non riusciremo più a distinguere in prospettiva se chi ci dà una notizia è un essere umano o un dispositivo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza