Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stalking sul web verso transgender con ricatti, due arrestati

Stalking sul web verso transgender con ricatti, due arrestati

Indagine della polizia postale di Torino, anche minacce di morte

TORINO, 24 febbraio 2024, 09:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La polizia postale di Torino ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale del capoluogo piemontese per due uomini di 30 anni accusati di stalking, compiuto per oltre un anno, verso una persona che sui social aveva esternato la propria esperienza nel percorso di cambio di sesso. La persona aveva denunciato più volte di essere stata vittima di offese, minacce e pubblicazioni di dati personali su diversi canali in una nota piattaforma di streaming, mediante registrazioni e dirette in cui veniva attaccata con manifestazioni di odio transfobico, auspicando l'interruzione della transizione di genere o comunque di farla tacere circa la propria condizione emotiva.
    All'hate-speech erano seguiti episodi di pedinamento fisico, diffusione dei dati anagrafici, ricatti in privato sui profili social, rinforzati anche dal millantare un ruolo lavorativo dell'interlocutore, che si spacciava come funzionario del ministero dell'interno, in grado di conoscere in ogni momento spostamenti e dettagli della vita personale, fino ad arrivare a minacce di morte. Erano stati anche creati illecitamente vari account collegati a siti erotici o di incontro, contenenti dei dati personali della vittima, generando il timore di rimanere vittima di altri attacchi virtuali, o peggio di aggressioni fisiche da parte di malintenzionati che potessero rintracciarla in città.
    Uno dei due indagati era l'autore delle dirette streaming di carattere denigratorio, l'altro, in possesso di credenziali di accesso a banche dati contenenti dati personali in ragione della propria attività lavorativa, era riuscito a carpire illecitamente i dati anagrafici poi diffusi, motivo per cui si ipotizza nei suoi confronti anche il delitto di accesso abusivo a sistema informatico o telematico.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza