Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Demolizione Ponte Morandi a ditte mafiose, due assoluzioni

Demolizione Ponte Morandi a ditte mafiose, due assoluzioni

Sentenza per imprenditore e consuocera

NAPOLI, 24 febbraio 2024, 18:08

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Assoluzione e revoca della confisca per gli imprenditori Ferdinando Varlese e Consiglia Marigliano, coinvolti in un'indagine della DDA di Genova sulla presunta contiguità di alcune ditte a loro riconducibili delegate alla demolizione del Ponte Morandi. Lo ha deciso la terza sezione penale della Corte di appello di Napoli la quale, condividendo le ragioni giuridiche dall'avvocato Dario Vannetiello, legale dei due imprenditori, li ha assolti revocando anche la confisca dei beni, ordinando quindi anche la restituzione dei beni immobili e del denaro presente sui conti correnti.
    A Ferdinando Varlese e alla consuocera Consiglia Marigliano gli inquirenti contestavano il reato di intestazione fittizia, reato aggravato dal metodo mafioso: Varlese, con precedenti penali, era ritenuto dai pm antimafia genovesi il gestore di fatto della società Tecnodem che aveva preso in sub appalto gli importanti lavori di demolizione del ponte.
    Per la procura la società era in "odore di mafia" e per questo Varlese l'avrebbe intestata - ma solo formalmente - alla consuocera Marigliano Consiglia. La ditta fu non solo estromessa dai lavori ma anche sottoposta al totale sequestro di beni immobili e dei conti correnti sui quali vi erano consistenti somme di denaro. I due imputati vennero condannati in primo grado e anche in appello prima dell'assoluzione con l'accoglimento del ricorso in Cassazione presentato dall'avvocato Dario Vannetiello: la seconda sezione della Suprema Corte annullò la sentenza di condanna a 3 anni e 4 mesi di reclusione per entrambi ordinando un nuovo giudizio dinanzi alla Corte di appello conclusosi con l'assoluzione di entrambi gli imputati.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza