Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Migranti: Ics, l'emergenza a Trieste è 'fabbricata'

Migranti: Ics, l'emergenza a Trieste è 'fabbricata'

"Al fatiscente Silos ora circa 170 persone dormono in 'capanne'"

TRIESTE, 21 febbraio 2024, 20:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il dramma di centinaia di migranti che alloggiano al Silos, una nota struttura abbandonata e fatiscente vicino alla stazione ferroviaria di Trieste perché non trovano spazio nell'accoglienza è "un'emergenza fabbricata".
    Lo ha detto Gianfranco Schiavone, presidente del Consorzio italiano di solidarietà (ICS), sostenendo che "il numero degli arrivi rimane modestissimo a Trieste, si tratta in media di 4 persone al giorno". Schiavone è intervenuto a un incontro promosso dal Circolo della Stampa di Trieste sul tema.
    Il presidente dell'Ics ha parlato di "una disfunzione amministrativa inaccettabile da parte del governo e del ministero dell'Interno" riferendosi alle dichiarate difficoltà di accogliere i migranti. "Lo Stato italiano non può dire che non riesce a sistemare quattro persone al giorno", ha incalzato Schiavone.
    Per quanto riguarda i numeri: "Al momento alloggiano al Silos in capanne improvvisate circa 170 persone", mentre "in media ci sono 300 persone, con picchi anche di 500", spiega Schiavone. Si tratta dei migranti che percorrono la cosiddetta rotta balcanica, attraverso la quale transita "il 5 per cento del totale dei richiedenti asilo in Italia". Essa, però, per Schiavone "non è conteggiata nella programmazione del ministero dell'Interno per quanto riguarda il sistema di ridistribuzione" e dunque "non è riconosciuta come un fatto strutturale".
    Nel corso dell'incontro è stata sottolineata da associazioni che assistono i migranti, la pericolosità del Silos stesso, in quanto edificio insicuro e le precarie condizioni igienico-sanitarie. Condizioni le cui responsabilità, per le stesse associazioni, sono in capo ai vertici del Comune di Trieste.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza