'Pizzo' a imprese edili, 3 condanne

Le vittime hanno confermato le tentate estorsione

   Il gup di Palermo ha condannato complessivamente a 21 anni di carcere per due tentativi di estorsione e danneggiamenti i mafiosi Salvatore Lupo (6 anni), Antonino Sciortino (10 anni) e Sergio Damiani (5 anni).
    Avrebbero chiesto il pizzo a due imprese edili che stavano realizzando appartamenti a Monreale (Pa). Le ditte dovevano versare 3mila euro per ognuno dei 18 appartamenti in costruzione e far realizzare gli impianti idraulici a una azienda vicina alla mafia. Solo nel 2017, convocati dai carabinieri, le vittime hanno confermato le tentate estorsione. A gestire il racket era Sergio Damiani, capomafia di Monreale. Salvatore Lupo avrebbe avvicinato gli imprenditori. Sono stati assolti Girolamo Spina, Antonino Alamia, Nicola Parisi, Roberto Spinnato e Salvatore Lo Cicero, accusati di violenza privata.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere