Sardegna
  1. ANSA.it
  2. Sardegna
  3. Terra e Gusto
  4. Baby giudici-assaggiatori per il Carciofestival a Cagliari

Baby giudici-assaggiatori per il Carciofestival a Cagliari

Nove ristoranti del centro storico coinvolti nel contest

(ANSA) - CAGLIARI, 20 DIC - Un contest per promuovere un'eccellenza dell'agroalimentare, il carciofo spinoso di Villasor. E una giuria composta da cinque giovanissimi, amanti dei carciofi.
    Hanno tra i 10 e i 13 anni Federica, Greta, Mirko, Giancarlo e Alessandro. Saranno loro a decretare i vincitori della seconda edizione di Carciofestival, in programma a Cagliari al quartiere Marina il 29 dicembre dalle 12,30.
    Al loro gusto è affidato il verdetto che dovrà eleggere il miglior piatto, a base di questo prodotto, creato dagli chef di nove ristoranti: Sa Schironada, Su Cumbidu, Locanda Leonildo dal Buongustaio, Antica Cagliari, Antica Cagliari bistrot, Trattoria Gennargentu, L'Ambasciata, Antica Hostaria, Pani e Binu.
    A guidarli sarà Andrea Tronu, docente della scuola alberghiera "Gramsci" di Monserrato che ha indicato nove studenti per far parte di ciascuna brigata di cucina. "L'edizione 2021 dà seguito alla prestigiosa nomina di Cagliari "Città gastronomica 2021" da parte del "Gambero Rosso", ha dichiarato Gianluca Mureddu, presidente del Consorzio Cagliari centro storico organizzatore della manifestazione in sinergia con il Centro commerciale naturale di Villasor e in collaborazione con Gal Medio Campidano, Scuola alberghiera Gramsci, Cooperativa ortofrutticola Villasor.
    I tre chef più votati saranno ospiti di un fine settimana nel Medio Campidano per un tour esperienziale agricolo, occasione per visitare le aziende e conoscere i produttori. In palio un weekend anche per un avventore di ciascun ristorante che dovrà postare sul proprio profilo Instagram una foto-ritratto del piatto e sarà scelta sulla base dei like ottenuti. "I premi nascono dalla collaborazione tra più centri commerciali naturali per la promozione dei nostri territori, Calasetta, Villasor, Sant'Antioco, Ilbono, Oliena e tanti altri, dice ancora Mureddu - la gara rappresenta un efficace strumento per la valorizzazione della filiera corta di produzione. Con l'obiettivo di sensibilizzare sempre più il mondo della ristorazione nel riservare un canale privilegiato ai produttori territoriali, incentivando così le politiche di sviluppo agroalimentare e ottimizzando i costi sull'acquisto della materia prima. Ancora educare il consumatore alla genuinità e alla sostenibilità nella scelta di un prodotto sardo, autentico marchio di qualità". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie