Sardegna

Agricoltura: Cia, avviare confronto su riforma Pac 2023-2027

Appello a Regione per incontri su piano strategico per Ue

 A due mesi della definizione, a Bruxelles, dell'accordo sui regolamenti per la riforma PAC 2023-2027, che saranno definitivamente approvati in autunno, Cia Sardegna sollecita l'apertura delle consultazioni pubbliche necessarie per la redazione del relativo Piano Strategico Regionale, documento indispensabile per il corretto prosieguo dell'iter di approvazione della riforma e affinché nella stesura definitiva non siano ignorati i problemi dell'agricoltura sarda.

"La norma procedurale per la costruzione del Piano Strategico Regionale, prevede la consultazione pubblica del settore primario (organizzazioni professionali agricole, della cooperazione e della trasformazione ecc), la consultazione tecnica e, infine, una sessione conclusiva per la gestione della discussione finale - spiega l'organizzazione agricola - A tutt'oggi, in Sardegna non è stata avviata alcuna procedura e non si ha conoscenza dei modi e tempi di consultazione. A questo punto, visti anche i tempi dettati dagli adempimenti, si pone con forza la necessità di avviare il confronto con tutti i soggetti interessati, che porti alla presentazione di un Piano Strategico Regionale forte e condiviso".

In particolare la Cia Sardegna ritiene, tra le altre questioni, che nella Riforma PAC 2023-2027 si debba "superare la disparità di trattamento determinata dal valore storico dei titoli, a discapito degli agricoltori sardi rispetto a quelli del resto del continente". Il Piano Strategico Regionale dovrebbe poi affrontare "la necessità di promuovere e valorizzare la ricerca, finanziando il trasferimento alle imprese agricole delle conoscenze, delle innovazioni di settore e facilitando la digitalizzazione applicata - segnala la Cia - Va posto il problema di valorizzare e premiare l'impegno degli imprenditori che adottano politiche agricole volte a contrastare i cambiamenti climatici, a tutelare l'ambiente e la biodiversità, al fine di perseguire uno sviluppo sostenibile.

Vanno individuate misure e strategie al fine di un riequilibrio della distribuzione della redditività nelle diverse fasi in cui si articola la filiera agro-alimentare, superando il peso preponderante della trasformazione e della commercializzazione esercitato a scapito della componente agricola primaria".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie