Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Sardegna al voto, date possibili il 25 febbraio o il 3 marzo

La Sardegna al voto, date possibili il 25 febbraio o il 3 marzo

L'uscente Solinas: 'è normale che chi governa si ripresenti'

CAGLIARI, 01 dicembre 2023, 16:25

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le prossime elezioni regionali in Sardegna potrebbero tenersi in una tra le due domeniche del 25 febbraio o del 3 marzo 2024. Lo ha confermato il presidente della Regione Christian Solinas, questa mattina, durante l'incontro con la stampa per presentare la variazione di bilancio approvata ieri notte in Consiglio regionale. "Per il nostro Statuto, possiamo fissare la data tra la quarta domenica antecedente le scorse elezioni e la seconda successiva - ha spiegato -. Mi confronterò a brevissimo con la maggioranza per stabilire la data".
    Sulla scelta del candidato del centrodestra che ancora non ha sciolto i nodi, Solinas è diretto: "Alle scorse elezioni il centrodestra costruì un'alternativa di governo. Oggi invece siamo già al governo, non abbiamo bisogno di costruire alternative: è normale e verosimile che la coalizione che governa si ripresenti con una continuità di programmi e con l'esigenza di portare a compimento quanto avviato".
    "Lascio una Regione migliore rispetto a prima, lo hanno certificato gli organismi internazionali e la Banca d'Italia, i numeri lo certificano", ha chiarito rispondendo alle domande dei giornalisti. E sulle voci critiche all'interno della maggioranza che non vorrebbero la sua ricandidatura, o vorrebbero sottoporre il suo nome a un sondaggio prima di decidere, è pronta la frecciatina: "È una minoranza più rumorosa che numerosa - ha precisato - vorrei capire con quali competenze e quali esperienze chi valuta negativamente sostenga questo giudizio, e se abbia pensato di promuovere anche qualche sondaggio su se stesso per capire il suo gradimento".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza