Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Regionali: fibrillazioni nel c.sinistra in vista del tavolo

Regionali: fibrillazioni nel c.sinistra in vista del tavolo

Nuovo incontro lunedì, presenza dei Progressisti non è scontata

CAGLIARI, 04 novembre 2023, 16:29

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Non si placano le fibrillazioni nella coalizione di centrosinistra, con M5s e le forze autonomiste e indipendentiste, alla vigilia del prossimo appuntamento convocato ufficialmente dal segretario regionale del Pd Piero Comandini, coordinatore del tavolo, per lunedì 6 novembre alle 13 a Cagliari.
    C'è chi, come Paolo Maninchedda, ex assessore regionale e firmatario della petizione online sulle primarie, sostiene che l'alleanza sia già esplosa a causa dell'eccessivo "dirigismo" del Pd. Di certo, da quanto si apprende sulle interlocuzioni bi e trilaterali tra i rappresentanti dei principali partiti, in corso in queste ore, in questo momento sono i Progressisti a scompigliare le carte e tirare la corda di un'intesa che sembrava sempre più vicina intorno al nome di Alessandra Todde, vice presidente del M5s.
    La loro presenza all'incontro di lunedì è probabile ma non scontata: dopo la posizione assunta dalla direzione del Pd, i Progressisti hanno rilanciato ufficialmente con una nuova richiesta di primarie, in presenza e online, per la scelta del candidato. Non accettano l'imposizione di un accordo romano Pd-M5s, sostengono in sintesi, e lo ritengono perdente.
    Piuttosto meglio aprirsi a chi è già in campo, come Renato Soru, che in queste settimane continua a dialogare e incontrare i cittadini. Lo strappo Progressista è nell'aria, con l'eventualità che anche altre sigle, da Più Europa agli indipendentisti, che sostengono altri nomi, arrivino ad abbandonare la coalizione.
    In ogni caso alla riunione di lunedì i papabili candidati sul tavolo saranno diversi: oltre a Todde, anche Soru portato da Liberu e dai Progressisti insieme a Graziano Milia e Roberto Capelli, sostenuto da La Base Sardegna: "L'ultima cosa di cui la Sardegna ha bisogno è quella di assistere al teatro politico che sta andando in scena per la scelta della candidatura del presidente della Regione alle prossime elezioni regionali", scrivono in una nota in cui si dicono anche pronti "a proporci al giudizio popolare per definire immediatamente la candidatura e dare finalmente spazio a programmi e progetti per la Sardegna".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza