Mesina: 80 uomini dell'Arma assediano Orgosolo

Rastrellamenti in campagna, perquisiti 70 casolari

Dopo una breve tregua, da stamattina Orgosolo è tornata sotto assedio delle forze dell'ordine per le ricerche di Graziano Mesina, l'ex bandito del Supramonte sparito nel nulla la sera del 2 luglio scorso quando il verdetto della Cassazione ha reso definitiva la sua condanna a 30 anni per traffico di droga. Ottanta uomini del comando provinciale dei carabinieri di Nuoro, coordinati dai militari del reparto operativo guidati dal tenente colonnello Saverio Aucello, hanno rastrellato le campagne e gli ovili attorno al paese, in località Sorasi: perquisiti complessivamente una settantina di casolari. Dall'alto sono invece entrati in azioni gli elicotteri del decimo e undicesimo nucleo di Olbia e Cagliari insieme al personale dello Squadrone eliportato dei Cacciatori di Sardegna.

Le operazioni sono iniziate all'alba e sono durate cinque ore ma di Grazianeddu, che alla soglia degli 80 anni è tornato alla macchia per sottrarsi al carcere, non c'è alcuna traccia. Sul posto anche il capo del reparto investigativo del comando provinciale, Michele Cappa, che nei giorni scorsi aveva coordinato l'intervento del nucleo sommozzatori di Cagliari in tre laghi attorno ad Orgosolo dopo la segnalazione anonima della presenza di un corpo, rivelatasi poi infodata.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie