Province: intesa su ok a testo in commissione entro martedì

Opposizione ritira emendamenti, si lavora su 5 macro temi

Maggioranza e opposizione trovano un'intesa sul testo unificato degli enti locali che porta a sei le Province e a due le città metropolitane. In commissione Autonomia i consiglieri si sono accordati per approvare i tredici articoli entro martedì 4 agosto. L'intesa raggiunta nella tarda serata di ieri è il risultato di una mediazione alla quale hanno lavorato in particolare il dem Roberto Deriu (che ha proposto i punti principali) e il presidente del parlamentino Pierluigi Saiu.

Questi i termini: innanzitutto, il ritiro di tutti gli emendamenti da parte della minoranza (820 su 950 quelli dello stesso Deriu) che in cambio ha ottenuto la possibilità di approfondire una serie di aspetti sui quali considerava carente la legge. Cinque i macro argomenti sui quali da oggi, divisa in gruppi di lavoro, la prima commissione lavorerà scrivendo proposte di modifica ad hoc: la previsione di consultazioni referendarie per consentire ai Comuni confinanti di scegliere di quale ente intermedio far parte, l'istituzione di Unioni di Province, il nodo della Provincia del Sud Sardegna che si estinguerebbe con il ritorno del Medio-Campidano e l'allargamento della Città Metropolitana di Cagliari a 72 Comuni, norme finanziarie e transitorie, norme compensative.

Se su questi temi non si dovesse raggiungere un accordo, c'è l'impegno a cercarlo direttamente in Aula. L'opposizione rinuncia anche a chiedere i dieci previsti dal regolamento per la relazione di minoranza. Questo potrebbe cambiare l'agenda dei lavori dell'Aula dove sta per approdare la Riforma della Sanità e dove, se avanza il tempo, potrebbe anche approdare prima di Ferragosto il testo sulle Province.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie