Coronavirus: Aspal,a inizio maggio 10mila assunzioni in meno

Crollo per hotel e ristoranti in vista della stagione estiva

Crollo delle assunzioni in Sardegna. Proprio nei primi giorni di maggio, quelli che gli anni scorsi garantivano la firma di tanti contratti in vista della stagione turistica. Il nuovo report sull'impatto del Covid-19 dell'Osservatorio del mercato del lavoro dell'Aspal evidenzia che le assunzioni nell'isola sono state 10mila in meno rispetto alla stessa settimana del 2019 (durante il lockdown la media era 3 mila in meno a settimana).

I nuovi dati, aggiornati al 5 maggio, dicono che dall'inizio della crisi sanitaria, rispetto al 2019, c'è stato un crollo del 59%: nel 2020 si sono registrate 28.848 assunzioni mentre l'anno scorso allo stesso giorno erano 70.671. I posti di lavoro persi dall'inizio della pandemia sono poco più di 39 mila ma arrivano a quasi 42 mila se si sommano anche i 2000 in più che si erano registrati all'inizio dell'anno (sempre in confronto allo scorso anno).

Il settore più colpito è quello alberghiero e della ristorazione che ha subito un calo dell'83% con 18.466 contratti in meno. Segue il noleggio e servizi alle imprese con 5.609 contratti in meno (il calo è del 64%), l'istruzione con meno 5.487 (-70%), costruzioni -1835 (pari a -42%), trasporti -1702 (il 69% in meno) e le attività artistiche con -1533 contratti in meno (con un calo pari del 75%). I contratti a tempo indeterminato sono diminuiti del 61% (-5.592) mentre quelli a tempo determinato del 64% (-33.070).

   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie