Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Nel 2022 in Puglia spesi 207 milioni per colf e badanti'

'Nel 2022 in Puglia spesi 207 milioni per colf e badanti'

Report di Domina, 'nel 2050 più anziani, aumenterà la richiesta'

BARI, 21 febbraio 2024, 15:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Complessivamente nel 2022 le famiglie pugliesi hanno speso circa 207 milioni di euro per la retribuzione dei lavoratori domestici: sono 29.497 quelli registrati con una prevalenza di colf (53,9%) rispetto alle badanti (46,1%). I datori di lavoro domestico risultano 31.679, in forte flessione rispetto all'anno precedente (-10,3%). I dati sono contenuti nel quinto rapporto di Domina, associazione famiglie datori di lavoro domestico.
    In Puglia oltre la metà dei lavoratori domestici è di nazionalità italiana, segue l'Asia con il 22,7% e solo in terza posizione chi proviene da un paese dell'Est (19,3%). Le donne rappresentano l'89,2% del totale. L'età media del lavoratore domestico è di 48,8 anni e, per quanto riguarda le settimane lavorate, si registra una prevalenza di chi non ha completato l'anno lavorativo (58,4%). I lavoratori conviventi con la famiglia datoriale sono solo il 23,1% del totale.
    Le previsioni demografiche - secondo il report di Domina - rivelano come il numero di badanti sia destinato ad aumentare: nel 2050 in Puglia ci saranno 488mila anziani (ultra-ottantenni), per un aumento del 74,7% rispetto al 2023; inoltre le previsioni indicano la presenza di 339mila bambini (0-14 anni), il 29,2% in meno rispetto al 2023. Pertanto la componente anziana sarà più numerosa di quella infantile (15,0% della popolazione contro 10,4%) e il numero di badanti richieste probabilmente aumenterà.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza