Puglia
  1. ANSA.it
  2. Puglia
  3. Corruzione in concorsi sanità, arresti nel Salento

Corruzione in concorsi sanità, arresti nel Salento

Undici misure cautelari, coinvolti due sindaci

Sesso e regali per posti lavoro e voti,ex senatore arrestato
 
 
(ANSA) - LECCE, 07 LUG - Sesso, casse di pesce, vini pregiati e anche soldi in cambio di un posto di lavoro, favori o per comprare voti: è quanto emerge dall'inchiesta della procura di Lecce che ha portato agli arresti domiciliari insieme con altre quattro persone l'ex assessore regionale ed ex senatore Totò Ruggeri, 72 anni, considerato al centro di un sistema di corruzione che avrebbe attraversato vari ambiti, quello sanitario e della procreazione assistita, dei concorsi pubblici, dei consorzi di bonifica, per finire alla gestione del bacino elettorale.
L'inchiesta, che coinvolge in tutto 21 indagati tra cui anche i sindaci di Scorrano e di Otranto, nasce da una costola dell'inchiesta sull'appalto per il poliambulatorio di Martano che nel 2020 portò agli arresti di due funzionari Asl. Oggi la guardia di finanza ha eseguito undici misure cautelari personali, tra cui cinque di arresti domiciliari, con le accuse a vario titolo di corruzione per esercizio della funzione, falsità ideologica, corruzione elettorale, traffico di influenze illecite.
Oltre a Ruggero, ai domiciliari è finito anche anche Antonio Renna, commissario straordinario dei Consorzi di Bonifica Ugento Li Foggi e Arneo, oggi collaboratore della Provincia di Lecce per la gestione dei fondi Pnrr, accusato di falso e corruzione.
Stessa misura per l'ex consigliere regionale Mario Romano e il figlio Massimiliano, assessore al Comune di Matino, ed Emanuele Maggiulli , responsabile dell'area tecnica del Comune di Otranto. Obbligo di dimora per il neo sindaco di Scorrano Mario Pendinelli mentre al sindaco di Otranto Pierpaolo Cariddi è stato notificato un divieto di dimora . Secondo l'accusa,
Ruggeri avrebbe versato 16 mila euro in due trance a procacciatori di voti per sostenere l'elezione di Pendinelli alle regionali del 2020, promettendo anche posti di lavoro. Undici in totale gli episodi di corruttela contestati, dal 2019 al maggio 2021, sette dei quali al solo Ruggeri che per i suoi favori avrebbe ricevuto da un imprenditore balneare varie utilità, da casse di pesce fresco a bottiglie di pregio. A Ruggeri è contestato anche l'avere ottenuto prestazioni sessuali da una donna con la promessa di un posto di lavoro in un distretto sanitario.
        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie