Responsabilità editoriale Obiettivo Europa

Misurare i settori culturali e creativi dell’Unione Europea

Pubblicato il: 16 giugno 2020 - Scadenza: 4 agosto 2020

FINALITÀ - Le industrie culturali e creative in Unione Europea (UE) sono forti e vibranti. Queste non sono solo essenziali per valorizzare la diversità culturale dell’Europa, ma anche per rafforzare la coesione sociale e l’attrattività dell’Europa a livello internazionale.

I settori culturali e creativi sono stati influenzati dalla pandemia di COVID-19 con un impatto senza precedenti. Le istituzioni e i centri culturali nel mondo hanno sospeso le loro attività e innumerevoli eventi sono stati cancellati. I professionisti hanno visto le loro entrate ridotte al minimo, molti hanno perso il lavoro dal momento che quasi il 95% del settore culturale e creativo è composto da piccole imprese, artisti indipendenti e freelancers. La situazione ha spinto il settore culturale ad intensificare la loro presenza digitale ma senza un corrispettivo nelle entrate. In ogni caso, le stime sull’impatto del COVID-19 al momento sono scarse. Allo stesso tempo, in questi tempi difficili, l’impatto della cultura nella società è ancora più visibile, dal momento che le persone confinate nelle loro abitazioni, si rivolgono alla cultura per trovare conforto e benessere.

La Nuova Agenda Europea per la Cultura e il Piano di lavoro europeo per la cultura 2019-2020 hanno sottolineato come priorità la produzione di statistiche culturali. I documenti citati evidenziano come la digitalizzazione e le statistiche culturali siano importanti questioni orizzontali e che devono essere considerati di conseguenza. La digitalizzazione crea possibilità nuove ed innovative per l’arte e la cultura in termini di accessibilità, espressione, disseminazione e consumo. Le statistiche culturali inoltre supportano i decisori politici a livello europeo e nazionale e, nel tempo, la regolare produzione di statistiche culturali affidabili permette di individuare trend particolari e di definire politiche sicure.

Dunque, le proposte presentate dovrebbero elaborare un quadro statistico per misurare i settori culturali e creativi. In particolare, il principale obiettivo è elaborare, attraverso attività di ricerca, un quadro statistico per misurare il settore culturale e creativo in Unione Europea (UE), partendo dal lavoro e dalla classificazione già esistente di Eurostat. Il quadro proposto analizzerà statisticamente le potenzialità economiche, culturali e sociali del settore culturale e creativo in Europa. Questo obiettivo dovrebbe essere raggiunto attraverso:

  • Una panoramica completa di risorse disponibili a livello industriale nazionale e internazionale
  • Proposte di ricerca su come riempire queste lacune che non possono essere riempite attraverso fondi di dati esistenti

Il quadro statistico proposto deve includere una guida metodologica dettagliata, e descrivere il processo di raccoglimento di dati. Deve anche permettere l’estrazione immediata di dati rilevanti per il settore culturale sia per una ricerca per anno che per una ricerca per singoli Stati Membri.

Dunque le proposte dovrebbero descrivere come prevedono di portare avanti lo studio di ricerca e validare i risultati per elaborare il quadro statistico per misurare i settori culturali e creativi in UE. Dovrebbere iniziare dal lavoro esistente e pianificato di Eurostat, e includere di conseguenza altri dati e/o nuovi approcci metodologici/di ricerca. Dovrebbero spiegare in particolare come i dati di Eurostat possono essere completati con quelli provenienti da altre fonti o da nuove metodologie proposte.

ENTITÀ DEL CONTRIBUTO - Dotazione finanziaria complessiva: 350.000 Euro

Il tasso di co-finanziamento è del 90% dei costi ammissibili.

Attenzione! verrà finanziato un solo progetto.

Responsabilità editoriale di Obiettivo Europa.
Per leggere l'articolo completo, registrati su Obiettivo Europa, per attivare il periodo di consultazione gratuita per 15 giorni.