Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Nicla Pizzicoli: “Metterci la faccia e raccontarsi facendo cultura per il cliente”

Pagine Sì! SpA

Il mondo digitale sta acquisendo sempre più importanza e comunicare nel web è diventato un tassello fondamentale in ogni strategia di marketing. Ma come trovare le giuste soluzioni per rispondere in modo propositivo alle necessità dei clienti? Ne abbiamo parlato con Nicla Pizzicoli, con oltre tredici anni di esperienza nel mondo della comunicazione, oggi consulente pugliese di Pagine Sì!, azienda leader in Italia nella comunicazione fondata 25 anni fa da Sauro Pellerucci.

Da sempre la comunicazione fa parte della tua vita, è così?

Assolutamente sì! Dopo la laurea in giurisprudenza, infatti, ho scelto l’aspetto tecnico e pratico della sfera commerciale, scoprendo la vocazione verso il mondo della comunicazione atta a supportare le Piccole e Medie Imprese nel raggiungimento di una comunicazione strategica integrata, che sappia dare autorevolezza e creare reputazione.

Proprio per questo motivo, Nicla, lei ha sin da subito sposato la comunicazione di taglio giornalistico. Perché?

Credo fortemente nella comunicazione giornalistica come viatico per la costruzione della reputazione digitale di aziende, stakeholder e singoli professionisti. Nel mondo contemporaneo, infatti, reputo fondamentale metterci la faccia, umanizzare il proprio business e raccontarsi, affinché i potenziali clienti possano scegliere il prodotto non solo per la sua qualità e soluzione ma anche per i valori che porta con sé.

Dunque, secondo la sua esperienza, oggi le aziende oltre a umanizzarsi devono trasferire competenze e consigli per fare “cultura”. Ci spieghi meglio

Si, credo che il compito di un buon consulente sia quello di far capire al cliente l’importanza di una comunicazione atta a fare informazione e non pubblicità. Il cliente finale deve scegliere il prodotto perché consapevole della qualità e delle soluzioni che esso porta con sé: deve essere convinto che questo possa migliorare la sua vita facilitandola e completandola. Con una buona cultura dell’informazione raggiungere questo obiettivo è possibile; farlo attraverso testate giornalistiche autorevoli e video comunicativi ed emozionali è la chiave ideale per raggiungere i giusti target.

In che senso?

Premesso che ogni cliente ha la sua storia, è importante sempre metterci la faccia e raccontare il perché e soprattutto in cosa ci si differenzia dai concorrenti. Farlo in prima persona significa umanizzare l’azienda, raccontarne i valori portanti e offrire il lato umano di ogni lavoro. Ma per funzionare deve essere fatto con la propria voce e il proprio cuore, non per slogan preconfezionati. Oggi ogni azienda deve trasferire competenze e consigli, quindi è giusto affidarsi a un professionista che sappia guidare un cliente che non ha le idee chiare.

È chiaro come la scelta di un buon consulente sia fondamentale. Ma qual è l’errore da evitare?

Pensare di approdare al digitale in modo “artigianale”, affidandosi magari a un amico e o al tradizionale fai da te. Sbagliare non è più concesso, quindi è necessario evitare ogni possibile passo falso non solo per scongiurare la perdita di denaro, ma anche per raggiungere i risultati sperati nei giusti tempi.

Come bisogna agire allora?

Così come si cura la propria attività fisica nel territorio è importante curare anche la propria presenza nel web. Per questo motivo è necessario farsi aiutare da persone esperte, capaci di strutturare un progetto di comunicazione globale atto a costruire la propria identità nel web. Non basta essere presenti sui social, così come non è più sufficiente avviare campagne di Google Ads o aprire portali e-commerce se non si studia un piano integrato di comunicazione digitale. Per questo è importante affidarsi ad un esperto del settore, perché oggi non ci è dato più il lusso di sbagliare.

Quindi è necessario utilizzare tutti i canali di comunicazione presenti nel web.

Assolutamente sì. È fondamentale basarsi su più canali e mezzi di comunicazione digitale, perché senza una presenza ben strutturata è difficile farsi notare e ancor più difficile è costruirsi la giusta credibilità.

È chiaro, dunque, come siano molte le strade che portano ad una comunicazione digitale efficace e può capitare che alcune realtà aziendali possono affidarsi a diversi professionisti specializzati in ciascuno di questi canali. Quindi come comportarsi in questo caso?

La comunicazione dovrebbe sempre essere coordinata. Questo lo reputo un tassello fondamentale: ecco perché quando vado da un cliente che è seguito da un’agenzia di comunicazione esterna, chiedo sempre che sia presente durante il nostro incontro in quanto è necessario lavorare insieme per coordinarsi e creare un progetto comune con i migliori risultati. Bisogna, quindi, avere una comunicazione coordinata raggiungendo la sinergia tra tutte le parti perché l’obiettivo è fare una comunicazione efficace.

In conclusione, con la sua esperienza, quale altro consiglio si sente di dare agli imprenditori?

Per costruirsi una reputazione digitale autorevole è necessario utilizzare le giuste fonti. Scegliere un’azienda che possa offrire anche un servizio giornalistico significa assicurarsi una presenza importante nel mondo digitale. Non a caso una delle ragioni che mi hanno spinto ad entrare in Pagine Sì! è stata proprio questa. Oggi è importante che la comunicazione giornalistica non sia di taglio autoreferenziale, ma quella che fa informazione. In poche parole una comunicazione di spessore, che convinca con i fatti. È un po’ quello che ho fatto anche io con questo articolo, dove ho cercato di fare informazione per offrire soluzioni a tutte le piccole e medie imprese.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Modifica consenso Cookie