Covid: ristoranti pronti, aperture serali più vicine

Confronto con Comitato sicurezza, Epat e Confesercenti ottimiste

(ANSA) - TORINO, 05 FEB - Ascom e Confesercenti sono ottimiste: presto i piemontesi potrebbero tornare al ristorante a cena entro le 22. Il confronto con il Comitato Tecnico Scientifico procede e ci sono spiragli a patto che siano applicate con il massimo rigore misure di sicurezza sanitaria: distanziamento di un metro non solo tra i tavoli, ma anche nelle aree di passaggio, l'utilizzo sistematico dei dispositivi di protezione individuale per gli addetti al servizio, l'esposizione di una chiara informativa all'esterno dei locali con l'indicazione della capienza massima. "I nuovi criteri di valutazione - sottolinea Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti Piemonte e presidente nazionale di Fiepet - segnano un cambiamento importante nell'approccio alla questione sicurezza nei pubblici esercizi.
    Adesso ci aspettiamo che la novità venga recepita al più presto in un provvedimento legislativo, che elimini anche le inique restrizioni sulla vendita d'asporto che colpiscono le enoteche.
    Dopo un anno terribile, le imprese della somministrazione vogliono tornare a lavorare in sicurezza".
    "I ristoratori torinesi sono pronti a riaprire in totale sicurezza alle 22, nel massimo rigore sull'applicazione delle misure di sicurezza sanitaria" afferma il direttore dell'Epat Torino, Claudio Ferraro. "Si tratta di una speranza concreta di ritorno alla normalità - commenta il presidente dell' Epat Alessandro Mautino - visto peraltro gli scarsi risultati economici nella prima settimana di zona gialla nel 2021, un anno che deve vedere rinascere il settore della ristorazione".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie