Auto: Fiom, dal 2008 a Torino 18.000 posti di lavoro persi

Lazzi, chiuse 370 aziende metalmeccaniche,in tutto -32.000 posti

(ANSA) - TORINO, 02 FEB - Sono 32.000 i posti di lavoro persi nelle aziende del settore metalmeccaniche della provincia di Torino dal 2008, anno in cui la crisi inizia a mordere. con un calo del 27,2%. Il numero è sceso da 119.000 a 86.800. Tutti i settori hanno subito una variazione negativa, ma il più colpito è l'automotive, dove i posti di lavoro in meno sono 18.454 (-29,6%). Hanno chiuso 370 aziende: da 949 a 579, il 39% in meno, percentuale che sale al 41% nell'automotive. E' la fotografia della crisi che emerge da un'indagine della Fiom torinese, effettuata su un campione significativo di 148 imprese di 13 macrosettori e 274 tipologie di attività produttive con un totale di 20.000 addetti.
    "E' una Torino devastata. Partiamo da questa fotografia per aprire una riflessione", commenta Edi Lazzi, segretario generale della Fiom Torino. Negli stabilimenti Fca - osserva Lazzi - la produzione è scesa da 218.000 vetture del 2006 a 65.000 nel 2011 fino ad arrivare a 37.000 nel 2020, i dipendenti dai 16.958 del 2008 a 13.766 (-18,8%). Torino è il buco nero del gruppo, negli stabilimenti Fca si fa di nuovo cassa integrazione e l'età media dei lavoratori di Mirafiori e Grugliasco è di 54 anni.
    L'obiettivo della piena occupazione non è ancora stato raggiunto. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie