Percorso:ANSA > Nuova Europa > Altre News > Elezioni in Serbia, definiti numeri e liste del voto 17/12

Elezioni in Serbia, definiti numeri e liste del voto 17/12

Gli elettori sono 6,5 milioni, cinque seggi anche in Italia

04 dicembre, 17:54

(ANSA) - BELGRADO, 04 DIC - In Serbia la commissione elettorale ha definito numeri e liste partecipanti alle elezioni parlamentari anticipate del 17 dicembre. Gli aventi diritto al voto sono 6.500.165, che potranno scegliere tra 18 liste di partiti e movimenti, per un totale di 2.817 candidati a ricoprire i 250 seggi di cui si compone il parlamento unicamerale del Paese. I serbi residenti all'estero che si sono registrati per votare sono poco più di 32 mila, che potranno votare in 35 Paesi per un totale di 81 seggi, la maggioranza dei quali saranno allestiti in Bosnia-Erzegovina (19), Germania (6), Italia (5), Austria (5). I serbi in Italia potranno votare a Roma, Milano, Trieste, Vicenza e Valdagno. Le operazioni di voto si terranno dalle 7 alle 20, sia in Serbia che all'estero (dove l'ora è la stessa che in Italia), mentre negli Usa, in Canada, in Gran Bretagna e Portogallo, a causa della differenza di fuso orario, i serbi residenti voteranno il giorno prima, il 16 dicembre, dalle 7 alle 20 locali. Le schede del voto all'estero saranno scrutinate unitamente a quelle della Serbia e degli altri paesi. I serbi del Kosovo, a causa del no della dirigenza di Pristina ad allestire seggi sul territorio del Paese, potranno votare in quattro località del sud della Serbia non lontano dal confine kosovaro. Nelle ultime due settimane di campagna elettorale tutti i partiti sono impegnati nel massimo sforzo per ottenere consenso e, secondo i media, l'obiettivo è non solo preservare il serbatoio di elettori fedeli, ma conquistare i tanti indecisi, che sarebbero almeno 400 mila.
    Grande favorito delle elezioni resta il Partito del progresso serbo (Sns, conservatore) del presidente Aleksandar Vucic, dato a percentuali intorno ma anche oltre il 40%, seguito a grande distanza da forze di opposizione, sia di destra che di sinistra, che insieme non supererebbero il 15%, e dal Partito socialista serbo (Sps) del ministro degli esteri Ivica Dacic, al quale i sondaggi attribuiscono circa il 10%. La soglia di sbarramento è al 3%. Il 17 dicembre si voterà anche per le amministrative nella capitale Belgrado e in altri 65 comuni. Le ultime elezioni parlamentari in Serbia si erano tenute il 3 aprile 2002, unitamente alle presidenziali e alle amministrative a Belgrado.
    Un appuntamento elettorale che segnò il trionfo del presidente Vucic, rieletto a un secondo mandato già al primo turno, e del suo partito Sns sia a livello nazionale che nella capitale.
    (ANSA).
   

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati