Molise
  1. ANSA.it
  2. Molise
  3. Distretto olio evo, per consorzio Tump 'strumento sviluppo'

Distretto olio evo, per consorzio Tump 'strumento sviluppo'

Assessore Cavaliere,sia esempio per nascita altri distretti cibo

(ANSA) - TERMOLI, 07 MAG - "L'approvazione del Distretto dell'olio evo molisano rappresenta un formidabile strumento per lo sviluppo del Molise che potrà così diventare una regione produttrice di un olio a residuo zero e in parte biologico in possesso di tutti i requisiti per la commercializzazione in Italia e nel mondo". Così l'imprenditore Luigi Di Majo, presidente del Consorzio Tump (Turismo Università Medicina e Paesaggio) e del Comitato Promotore del nuovo organismo, presentato oggi in Comune a Termoli.
    Presenti il sindaco Francesco Roberti, gli esponenti del Consorzio Tump Mario Pietracupa e Antonio D'Aimmo, il presidente dell'Associazione Nazionale della Città dell'Olio Michele Sonnessa e il vice Nicola Malorni, Antonio De Cristofaro dell'Unimol e responsabile del Comitato Scientifico del Distretto, il presidente della Cooperativa Olearia Larinese Alessandro Patuto e Pasquale Di Lena cultore dell'olivicoltura, ideatore e ambasciatore delle Città dell'Olio.
    "Particolare Importanza avrà il distretto per lo sviluppo dell'occupazione specialmente di molti giovani chiamati a ristrutturare antichi uliveti e a rendere remunerativi quelli vecchi e spesso abbandonati - prosegue Di Majo - Si prevede anche l'abbellimento del paesaggio con tante colline ricoperte da ulivi che, oltre a produrre un olio prezioso, renderanno più salubre l'aria perché l'ulivo è la pianta che assorbe più anidride carbonica. Bisognerà coinvolgere migliaia di persone, specialmente giovani chiamati a impegnarsi nella produzione e vendita del prodotto. I finanziamenti sono disponibili con fondi europei e nazionali ma vi è necessità di impegnarsi per elaborare progetti e renderli operativi".
    L'obiettivo del progetto è la produzione di un olio di elevata qualità sia dal punto di vista della salubrità, ovvero a residuo zero, sia dal punto di vista del gusto, con le varietà autoctone molisane.
    Per l'Assessore regionale all'Agricoltura Nicola Cavaliere "l'auspicio è che tale iniziativa possa essere da esempio per la nascita a catena di altri distretti del cibo in Molise. C'è una legge regionale che offre un solido punto di riferimento e c'è una terra ricca di tesori gastronomici e prodotti di elevata qualità, non mancano di certo le opportunità". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie